Roma, 3 novembre 2021 – Nel settore dei Dispositivi di protezione individuale si sta assistendo a progressi tecnologici importanti.
E Radio Anmil Network ha voluto dedicare una puntata per capire cosa ci riserverà il futuro.
La dott.ssa Carla Fanizza, responsabile dell’Unità operativa del progetto di ricerca Sense Risc ha parlato del progetto di una maglietta con dei sensori speciali in grado di rilevare i parametri vitali del lavoratore e, contemporaneamente, la presenza di sostanze nocive nell’ambiente di lavoro. Un dispositivo ideale per quelle mansioni che richiedono un certo grado di isolamento fisico del lavoratore e uno scarso monitoraggio.
La sensazione è che la scienza stia facendo passi da gigante.
Sono pronti il mondo del lavoro e le norme che lo regolano, a tradurre tutto questo in una maggiore sicurezza del singolo lavoratore?
È proprio questa la domanda messa al centro dagli interventi di Nunzio Leone, avvocato ed esperto in Sicurezza sul lavoro e formazione. Giuseppe di Folco, consulente sulla Sicurezza per le aziende dell’Agro-pontino-frusinate; Paolo Varesi esperto di Sicurezza in Aifes.
Il famoso articolo 4 dello Statuto dei lavoratori vieta il controllo dei lavoratori. Ma se il controllo diventa non solo funzionale alla sicurezza ma serve anche a valutare se quella mansione è adatta al fisico di quel determinato lavoratore, forse bisognerà pensare a un suo adeguamento.