Solignano, confronto a tutto campo sulla sicurezza sul lavoro

26 ottobre 2023 – Sinergie. Formazione. Mondo della scuola. Best practice. Sono queste alcune delle parole chiave emerse dall’interessante incontro dedicato alla sicurezza sul lavoro svolto a Solignano (Pr), coordinato dal presidente di ANMIL Parma, Gianni Baga, e organizzato da ANMIL in collaborazione con la Proloco e il Comune di Solignano.
Si tratta di un tema quanto mai essenziale, è stato rilevato nel corso del dibattito – a cui hanno partecipato rappresentanti delle istituzioni, delle parti sociali e della società civile – come dimostrano la recente tragedia di Brandizzo e i dati diffusi dall’Inail che certificano che nel 2023 sono ben tre i morti sul lavoro a essere denunciati ogni giorno.
I relatori intervenuti hanno analizzato il problema da molteplici punti di vista. Se Massimo Fabi, direttore dell’azienda ospedaliera di Parma, ha sottolineato quanto sia necessario promuovere la cultura del “noi” – a scapito di quella dell’”io” – per incrementare la consapevolezza e le sinergie indispensabili per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro, l’onorevole Laura Cavandoli ha sollecitato l’avvio di una cultura della prevenzione che prenda i passi dai banchi di scuola. Un concetto, quest’ultimo, che è stato ripreso anche da Andrea Zanno, formatore dell’Unione parmense degli industriali, che ha segnalato l’accresciuta consapevolezza e la maggiore sensibilizzazione dei lavoratori nei confronti della formazione rispetto al passato.
Proprio sul ruolo partecipativo dei giovani ha insistito Francesco Gattola, direttore dell’Ispettorato del lavoro di Parma, Reggio Emilia e Modena: un ruolo da potenziare attraverso maggiori investimenti nella preparazione e in una cultura che sensibilizzi sull’attenzione alla non ripetizione pedissequa degli errori, pure pericolosamente connaturata in chi matura una approfondita esperienza nell’assolvimento reiterato delle proprie mansioni.
Il concetto di prevenzione è stato ripreso anche da Piersergio Serventi, in rappresentanza del Comune di Solignano, che ha ricordato il ruolo pioneristico di Parma, su scala nazionale, nell’attivazione dei servizi di medicina del lavoro. Alberto Alberti, responsabile ANMIL Vittime dell’amianto e delle malattie professionali, ha invece ribadito come la sicurezza passi anche attraverso le testimonianze di chi ha subito danni alla salute.
A riassumere il significato generale dell’evento è stato, infine, Luca Chiadini, presidente regionale ANMIL Emilia Romagna, che ha evidenziato come la sicurezza sul lavoro non possa esistere senza la collaborazione di tutti.