A S. Donato (LU): il parco giochi accessibile a tutti i bambini con e senza disabilità

Il sogno è diventato è realtà, il parco giochi inclusivo si farà. È passato poco più di un anno dal lancio ufficiale della campagna di crowdfunding su Eppela, promossa dalla Fondazione “Il Cuore si Scioglie” in collaborazione con la sezione Soci Coop di Lucca e la Federazione Associazioni Nazionali dei Disabili (FAND), di cui fa parte l’ANMIL, per la realizzazione del primo parco totalmente inclusivo di Lucca.
Una raccolta popolare che ha permesso di raggiungere la cifra importante di 17.500 euro, grazie anche alla somma di 7.500 messa a disposizione dalla Fondazione “Il Cuore si Scioglie”: risorse necessarie, ma non sufficienti per riqualificare nella sua totalità il parco di piazzale San Donato (Lucca). Ecco perché, grazie al gioco di squadra tra gli assessori Serena Mammini e Lucia Del Chiaro e i loro rispettivi uffici, con la dirigente Antonella Giannini in testa, l’amministrazione comunale ha deciso di fare la propria parte e aggiungere ben 70mila euro, che permetteranno a uno dei parchi più frequentati del territorio di accogliere i bambini, disabili e non, per giocare finalmente tutti insieme. A presentare il progetto questa mattina presso la Sala degli Specchi di Palazzo Orsetti sono stati i rappresentanti dell’amministrazione comunale, Lucia Del Chiaro, assessore al sociale, e Serena Mammini, assessore all’urbanistica, i referenti delle associazioni, Max Mallegni, Presidente ANMIL Lucca, Massimo Diodati, Presidente UICI, Daniele Lanini, di UNICOOP Firenze,  la Fondazione “il Cuore si Scioglie” e l’architetto che ha realizzato il progetto, Daniele Gemignani.
“Il parco giochi di piazzale San Donato è da anni un punto di ritrovo per bambini e genitori – commenta l’assessora Del Chiaro – Ma da qualche tempo alcune giostre e strutture versano in uno stato di degrado. La proposta della Fondazione Il cuore si scioglie ci è piaciuta subito e soprattutto ci ha permesso di fare un cambio di prospettiva: riqualificare quel parco per trasformarlo in uno spazio capace di accogliere tutti. Questo sarà anche il primo atto concreto della campagna #BenvenutiaLucca, il percorso che sto costruendo, attraverso una rete di servizi, progetti e azioni che l’amministrazione comunale da sola o insieme ad associazioni e istituzioni del territorio, mette a disposizione di famiglie, bambini, giovani, anziani, adulti, turisti, autoctoni e stranieri, per trasformare Lucca in una città davvero per tutti”. La volontà di rendere Lucca una città accessibile sarà anche uno dei punti centrali del nuovo piano operativo. “Quando si disegna una città occorre avere una visione complessiva che tenga conto di tutte le esigenze e le traduca poi in azioni e interventi concreti e permanenti, duraturi nel tempo e, in alcuni casi, risolutivi – aggiunge l’assessore all’urbanistica, Mammini – E quella dell’accessibilità è un’esigenza primaria, indica un cambio di mentalità e lo trasforma in realtà”.
Il nuovo parco sarà un luogo per tutti. I giochi rotti verranno sostituiti, quelli da riparare saranno rimessi a nuovo e, soprattutto, ne verranno aggiunti di nuovi accessibili e inclusivi. Ma in generale l’intera area gioco sarà percorribile da chiunque, grazie al rifacimento della pavimentazione, accessibile anche a carrozzine, passeggini e sedie a rotelle. Verrà restaurato il gazebo, che accoglie sempre molte persone di tutte le età, così come saranno restaurati panchine e tavolini. Ma non solo: nel progetto è inserita la realizzazione di un mini-anfiteatro per i più piccoli, come luogo speciale per fare rappresentazioni, organizzare feste ed eventi, sperimentare il teatro,, mettere in scena spettacoli di burattini e di giocoleria. Un luogo dove giocare, ma anche dove poter sviluppare l’inventiva e la creatività di ogni bambino.
Il progetto è ideato dalla UNICOOP Firenze e dalla Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND) che racchiude le associazioni storiche nazionali: ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi del Lavoro), ANMIC (Associazione Nazionale Invalidi Civili), UICI (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), ENS (Ente Nazionale Sordi), UNML (Unione Nazionale Mutilati per Servizio).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.