Reinserimento lavorativo: nel Lazio un nuovo protocollo d’intesa siglato anche da ANMIL a cura dell'Ufficio Servizi Istituzionali

10 gennaio 2020 -La Regione Lazio, la Direzione regionale dell’INAIL, le parti sindacali e datoriali e le organizzazioni rappresentative delle persone con disabilità, tra cui anche l’ANMIL del Lazio, hanno sottoscritto a Roma un Protocollo d’intesa che punta a favorire il reinserimento e l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro, attraverso la promozione di azioni integrate. L’intesa, che coinvolge oltre 30 organizzazioni, è stata presentata nel corso di una conferenza stampa dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dal presidente e dal direttore generale dell’INAIL, Franco Bettoni e Giuseppe Lucibello, e dall’assessore regionale al Lavoro e nuovi diritti, Claudio Di Berardino, alla presenza del presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Istituto, Giovanni Luciano, e prevede la predisposizione di progetti personalizzati di reinserimento, concordati con i servizi del collocamento mirato del territorio e sostenuti con le risorse messe a disposizione dall’Istituto assicuratore. Il contributo a fondo perduto erogato dall’INAIL per ciascun progetto personalizzato può arrivare fino a un massimo di 150mila euro. I fondi possono essere utilizzati per realizzare interventi di superamento delle barriere architettoniche, di adeguamento delle postazioni di lavoro e per l’attività di formazione finalizzata alla conservazione del posto o all’inserimento del disabile da lavoro in una nuova occupazione.
A supporto delle persone con disabilità da lavoro è inoltre prevista presso i centri per l’impiego un’equipe multidimensionale composta da diverse figure professionali, esperti del mercato del lavoro e psicologi, operanti in stretta sinergia con l’INAIL, in modo da fornire ai lavoratori con disabilità un punto di riferimento unico, favorendo allo stesso tempo una più stretta e virtuosa collaborazione tra tutte le istituzioni, imprese e associazioni.
Come emerge dall’ultimo rapporto regionale dell’INAIL, nel Lazio la platea minima dei potenziali beneficiari di questi interventi è composta da circa 3.500 lavoratori infortunati o tecnopatici. L’ottimale impiego delle risorse stanziate dall’INAIL per sostenere i progetti di reinserimento rende necessario promuovere, con il supporto determinante delle parti sociali, la diffusione tra i lavoratori e i datori di lavoro della conoscenza delle opportunità offerte per facilitare la conservazione del posto di lavoro o l’inserimento in una nuova occupazione dei disabili da lavoro.

6 thoughts on “Reinserimento lavorativo: nel Lazio un nuovo protocollo d’intesa siglato anche da ANMIL

  • Hi, I think your site might be having browser compatibility issues. When I look at your website in Safari, it looks fine but when opening in Internet Explorer, it has some overlapping. I just wanted to give you a quick heads up! Other then that, fantastic blog!

  • Its like you read my thoughts! You seem to grasp a lot about this, such as you wrote the e book in it or something. I believe that you could do with some p.c. to power the message house a bit, but other than that, that is wonderful blog. A fantastic read. I’ll definitely be back.

  • Unquestionably consider that which you said. Your favorite justification seemed to be on the net the easiest factor to bear in mind of. I say to you, I certainly get irked even as other folks consider worries that they just do not understand about. You managed to hit the nail upon the highest as smartly as outlined out the entire thing without having side-effects , other folks can take a signal. Will likely be again to get more. Thanks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *