Presentazione dello studio ANMIL sui diritti delle donne lavoratrici a Catanzaro

Catanzaro, 10 marzo 2022 – La Sezione ANMIL di Catanzaro ha presentato lo studio “Diritti delle donne lavoratrici, rischi infortunistici e tutela del lavoro” lo scorso lunedì 7 marzo alle ore 11 nella Sala Verde della Cittadella Regionale.
Sono intervenuti all’evento: Luigi Francesco Cuomo, Consigliere nazionale ANMIL; Antonio Carlizzi, Presidente regionale ANMIL;  Fabio Lo Faro, Direttore regionale INAIL; Vito Antonio Lorusso, Presidente nazionale Caf ANMIL; Francesco Costantino, Presidente nazionale Fondazione ANMIL Sosteniamoli subito; Antonio Domma, Presidente ANMIL Cosenza; Antonio Carcella, Presidente ANMIL Crotone;  Michele Caridà, Presidente ANMIL Vibo Valentia; Antonio Tavano, Presidente ANMIL Catanzaro; Carmela Raffaele, Consigliere territoriale ANMIL Vibo Valentia; Tilde Minasi, Assessore regionale alle Politiche Sociali; Donatella Paolino, Professoressa dell’Università Magna Graecia di Catanzaro; Mirella Astorino, infermiera nel reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale Pugliese di Catanzaro; Rossella Palermo del Gruppo Comunale di Catanzaro di Protezione Civile; Annamaria Montillo, volontaria de “La Misericordia” di Soverato.
“Non si può non tenere conto delle differenze di genere nel superamento o gestione dei rischi, così come nell’attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali – ha dichiarato Lo Faro –  Si parla ormai anche di medicina di genere, che tiene conto delle differenze tra uomo e donna, e che, con riguardo al Covid, spiegherebbe perché ad essersi ammalate di più siano state le donne ma che a morire siano stati a maggioranza gli uomini”.
“Ciò che contraddistingue noi infermiere rispetto ai colleghi maschi è senz’altro l’aspetto materno che ci ha portato ad accostarci, anche se all’interno delle nostre tute di protezione, ai pazienti Covid, isolati rispetto agli altri – ha continuato Mirella Astorino -. Tante volte ci siamo trovate ad occuparci di neonati senza mamma, a leggere le lettere dei parenti per dare forza, a sostenere con lo sguardo chi si stava arrendendo o stava chiudendo gli occhi per sempre. I nostri turni di lavoro sono stati massacranti, tante colleghe tra noi non rientravano a casa per salvaguardare l’incolumità dei propri figli e si accontentavano di vederli a distanza”.
Alle donne presenti, e simbolicamente a tutte le lavoratrici, l’ANMIL ha consegnato una targa al merito e un piccolo mazzo di mimose. 

Per saperne di più è possibile cliccare qui: https://bit.ly/3hQ1afL

 

Giornata-Donna-ANMIL-Catanzaro-2022-24

Immagine 1 di 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.