PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E NOTIZIE DAL TERRITORIO E Emilia Romagna E Nuove proposte per contrastare l’aumento degli infortuni sul lavoro

Nuove proposte per contrastare l’aumento degli infortuni sul lavoro

Nuove proposte per contrastare l’aumento degli infortuni sul lavoro

Roma 24 maggio 2024 – Il fenomeno degli infortuni sul lavoro è in drammatico aumento, nonostante le politiche degli ultimi 30 anni. Il Presidente Sergio Mattarella ha affermato in un messaggio alla Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali M.E. Calderone il 12 settembre 2023: “Lavorare non è morire. I morti di queste settimane ci dicono che quello che stiamo facendo non è abbastanza”. Ha sottolineato l’importanza dell’impegno di lavoratori, datori di lavoro, committenti e organi competenti nella prevenzione e sicurezza sul lavoro.

In questo contesto, la Commissione Sicurezza dell’Ordine Ingegneri di Parma ha elaborato una proposta in cinque punti concreti per migliorare l’efficacia delle attuali leggi e sensibilizzare l’opinione pubblica, riducendo il numero e la gravità degli infortuni sul lavoro.

Claudio Ferrari, Presidente dell’Ordine, ha dichiarato: “Il nostro scopo è tutelare i cittadini, promuovendo un processo culturale che ribadisca la dignità del lavoro come principio fondamentale. Ringraziamo i membri della Commissione Sicurezza per il loro impegno volontario in questa iniziativa”.

La Referente della Commissione Sicurezza, ingegner Gabriella Magri, ha presentato i cinque punti durante un incontro il 17 maggio 2024 al Centro Servizi Edili, valido anche per l’aggiornamento professionale. 

I cinque punti della proposta includono:

  1. Valutazione dei rischi: Deve essere reale, approfondita e partecipativa, non affidata a software generici.
  2. Nuovo paradigma formativo: La formazione deve essere vista come un diritto alla salute e non come un obbligo, con momenti pratici e coinvolgenti. I docenti devono essere esperti reali, e tutti i lavoratori devono ottenere qualifiche professionali rilevanti.
  3. Meccanismi premianti: Le leggi sulla sicurezza dovrebbero includere incentivi per chi lavora bene, non solo sanzioni.
  4. Banca dati centrale: Creare un database centrale con informazioni sui lavoratori e le aziende per facilitare i controlli e certificare la professionalità dei tecnici della sicurezza.
  5. Maggior discrezionalità degli organi di vigilanza: Gli uffici “Prevenzione e Sicurezza in Ambienti di Lavoro” dovrebbero avere un approccio collaborativo e preventivo durante i primi interventi ispettivi.

L’incontro è iniziato con la proiezione del racconto fotografico “Ho visto e non ho più dimenticato – Storie di infortuni” di Davide Torbidi, fotografo e segretario generale della FLAI CGIL di Lodi. Si è concluso con la presentazione del libro “Il Ritorno. Dalla materia all’essenza” di Gianni Baga, presidente ANMIL di Parma, che narra la sua esperienza personale e il dramma vissuto nel 1987 a seguito di un grave incidente stradale sul lavoro.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO