I percorsi di formazione progettati da ANMIL per “Marche sicure”

23 luglio 2020 – La giunta regionale della Regione Marche ha adottato, di recente, un provvedimento riguardante l’approvazione di standard formativi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.
Tutti i percorsi di formazione sono progettati da ANMIL nel quadro del protocollo d’intesa “Marche sicure”, siglato tra la Regione Marche e l’Associazione.
Il provvedimento nasce da un’iniziativa dell’Assessore al Lavoro-Formazione ed Istruzione Loretta Bravi, che dichiara:”Un’azione che si inquadra nell’ambito delle politiche e delle azioni regionali per la promozione dell’apprendimento permanente  promuovendo un’offerta formativa specificatamente finalizzata al conseguimento di obiettivi di competenza, definendone gli standard minimi di progettazione ed erogazione, in linea con la volontà di mettere al centro la qualità del lavoro. Sono azioni dirette anche ad aumentare la consapevolezza dei problemi legati alla salute e sicurezza sul lavoro come valore fondamentale e a promuovere un cambio di mentalità nei modelli di comportamento sia dei lavoratori che dei datori di lavoro.”
Tra gli obiettivi, anche fornire competenze professionali a soggetti infortunati sul lavoro per sviluppare didatticamente la loro esperienza di infortunio.
In particolare, viene definita l’articolazione, le condizioni di erogazione e le attestazioni conseguibili di tre percorsi formativi: La Cultura della Salute e Sicurezza: Normativa e Formazione della durata di 64 ore; Didattica per formatori sulla Sicurezza di 24 ore e Didattica della testimonianza di 120 ore.

2 thoughts on “I percorsi di formazione progettati da ANMIL per “Marche sicure”

  • 469998 590768I see something genuinely special in this site . 663245

  • 565154 746234Black Ops Zombies […]some men and women nonetheless have not played this game. It is hard to imagine or believe, but yes, some folks are missing out on all with the enjoyable.[…] 585690

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.