Weekend: triste bilancio di morti e feriti sul lavoro

Roma, 18 ottobre 2021 – Week end di gravissimi incidenti sul lavoro con morti e feriti gravi. Sabato scorso è stata una vera e propria strage con tre feriti e due morti. Il primo incidente si è verificato a Turbigo in provincia di Milano dove due operai sono rimasti feriti, di cui uno in modo grave. Secondo la ricostruzione del 118, i due operai sarebbero precipitati da un’altezza di circa quattro metri, Un 49enne ha riportato traumi al cranio, al volto e a un braccio ed è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Niguarda di Milano. Il secondo, 42 anni, è rimasto ferito a una spalla e a un braccio ed è stato ricoverato in ospedale a Varese.
Un operaio di 37 anni è morto a Lanciano in un incidente avvenuto in un cantiere edile allestito per i lavori di realizzazione di un gasdotto. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo sarebbe sceso in uno scavo per effettuare alcuni controlli quando è stato travolto da una massa di terra di una parete che ha ceduto. Dipendente della società Tre Colli spa, che in quel tratto sta lavorando per la SGI – Società Gasdotti Italia alla realizzazione del metanodotto Larino-Chieti, il giovane aveva appena concluso un sopralluogo nel canale dal quale era risalito insieme al collega, poi è tornato sul posto per recuperare una mola. È stato in quel momento che una parete dello scavo ha ceduto, probabilmente a causa del terreno appesantito dalle abbondanti piogge dei giorni scorsi.
Un operaio di 47 anni è morto in uno stabilimento di Santa Croce sull’Arno (Pisa), situato nella zona di via del Bosco. L’uomo è morto precipitando da un’altezza di circa tre metri nel magazzino di un’azienda di materiali edili. Nell’incidente è rimasta ferita anche un’altra persona che non risulta in pericolo di vita.