Una task force contro il lavoro sommerso

Roma, 29 aprile 2024 – Con Decreto ministeriale del 28 marzo 2024 n. 50, si è costituita presso l’Ispettorato nazionale del lavoro la task force istituzionale “Lavoro sommerso”, che opera in continuità con le attività già previste dal Piano nazionale per la lotta al lavoro sommerso 2023-2025 e realizzate dal Comitato nazionale per la prevenzione e il contrasto al lavoro sommerso. Sarà Composta da rappresentanti di Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero dell’Interno, Ministero della Salute, Ispettorato Nazionale del Lavoro, INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza, Comando Carabinieri per la tutela del lavoro. La Task force è presieduta dal Capo dell’Ispettorato nazionale del lavoro e resta in carica fino alla completa attuazione del Piano nazionale per la lotta al lavoro sommerso.
L’organo avrà il compito di realizzare un’ulteriore pianificazione strategica dell’attività di vigilanza di contrasto al lavoro sommerso, per garantire un’azione coordinata ed efficace di prevenzione e contrasto del lavoro irregolare, secondo le specificità dei diversi settori economici e dei contesti territoriali, e di contribuire anche ad un’efficace attività di vigilanza a fini statistici.