Roma, 12 Novembre 2020 – Tre gli infortuni sul lavoro tra ieri e l’altro ieri.
Il primo a Castelgomberto, piccolo comune del vicentino dove un operaio di 41 anni è stato colto da un malore mentre si trovava sopra un’impalcatura.
Il secondo a San Salvo, dove un operaio di 59 anni è morto a causa delle ferite riportate in un incidente sul lavoro in un cantiere edile. L’uomo è precipitato da un’impalcatura dall’altezza di circa 4 metri. Ferito gravemente, l’uomo è stato prima stabilizzato dai sanitari del 118 e trasferito in elisoccorso a Pescara dove poi è deceduto.
Il terzo incidente mortale sul lavoro a Tolentino, nelle Marche. A perdere la vita, un 46enne di Sarnano, Gianluca Vecchiotti, morto sul colpo in seguito ad una caduta. La tragedia è avvenuta martedì sera all’interno dell’azienda agricola “Frantoio Giovenali”, in via Willy Weber a Tolentino. Secondo le prime ricostruzioni, l’incidente è avvenuto durante le fasi di svuotamento di un pozzetto.
Infine, a causa di un grave incidente, un operaio di 57 anni residente a Volpago è ricoverato in prognosi riservata. L’incidente è avvenuto nella prima mattinata di ieri mentre, con altri colleghi, stava spostando una lastra metallica che gli è caduta addosso, schiacciandolo all’altezza del torace. Soccorso dal medico e dagli infermieri del Suem 118, è stato stabilizzato e trasferito al pronto soccorso di Montebelluna. Attualmente è ricoverato al Cà Foncello di Treviso.

#infortuni  #infortunisullavoro #sicurezza #anmil  #mortesulavoro