12 gennaio 2021 – Anav, Agens e Asstra, le associazioni che rappresentano l’intero complesso delle imprese esercenti i servizi di trasporto pubblico locale e regionale, in audizione congiunta presso la Commissione Trasporti della Camera, presentano un documento comune contenente gli interventi prioritari per il trasporto pubblico locale.
Dal quadro rappresentato dalle associazioni emerge l’urgenza di ripristinare l’equilibrio economico-finanziario di settore per il 2020 con lo stanziamento di ulteriori risorse, quantificabili in circa 800 milioni di euro, a compensazione delle perdite tariffarie occorrenti per la compensazione integrale. È altrettanto indispensabile introdurre una misura di salvaguardia anche per il 2021, considerando che il protrarsi dell’emergenza comporterà nel primo semestre 2021 un crollo dei ricavi da traffico stimabile in un miliardo di euro. L’auspicio di Anav, Agens e Asstra è che accanto a questi interventi indispensabili vengano affiancate anche misure di più ampio respiro, in grado di sostenere le imprese e accompagnare la ripresa nel medio-lungo periodo. “La sfida che abbiamo di fronte è quella di consolidare il quadro dei ristori per garantire l’equilibrio economico del nostro settore, che è fondamentale oggi per continuare ad offrire ai nostri 15 milioni di passeggeri giornalieri un servizio sicuro e domani per poter contare su un sistema di mobilità che sia un volano per dare impulso agli investimenti in chiave ambientale e per la ricostruzione del tessuto sociale, industriale e urbano dell’Italia. Non possiamo rimettere indietro di 70 anni le lancette dello sviluppo: puntiamo oggi sul trasporto pubblico per l’Italia della rinascita”, hanno sottolineato i presidenti di Asstra, Anav e Agens.