Trasparenza salariale di genere: critiche a proposta UE

Roma, 17 gennaio 2022 – L’European Trade Union Confederation (ETUC) – la confederazione sindacale europea – ha pubblicato la propria posizione sulle proposte legislative della Commissione europea riguardo la trasparenza salariale di genere.
In particolare, la confederazione sindacale europea sottolinea che la proposta di statuire l’obbligo di trasparenza salariale esclusivamente in capo alle grandi aziende (> 250 lavoratori dipendenti) rischia di escludere 2/3 dei lavoratori europei dal campo di applicazione della tutela.
Passando in rassegna l’impatto delle misure per ogni Paese, ETUC evidenza che, in Italia, sarebbe escluso ben il 79% dei lavoratori che lavorano in imprese di più piccole dimensioni. Inoltre, tale soglia è fissata al di sotto dell’obbligo di trasparenza già regolato da 12 Stati membri, col rischio di abbassare i livelli di tutela già statuiti.

Per approfondire: https://www.etuc.org/en/pressrelease/67-workers-excluded-eu-equal-pay-policy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.