Roma, 24 agosto 2021 – We have wings: abbiamo le ali, ali per cacciare le incertezze che hanno caratterizzato questo ultimo anno e mezzo. E’ stato questo lo slogan della cerimonia di apertura dei XVI Giochi Paralimpici estivi di Tokyo 2020.
L’evento, che si è svolto martedì 24 agosto alle 20 ore locali (le 13 in Italia) presso l’Olympic Stadium della capitale giapponese, ha visto la tennista Yui Kamiji, il bocciatore Shunsuke Uchida e la sollevatrice di pesi Karin Morisaki portare la torcia olimpica, simbolo, a livello mondiale, della sfida dell’uomo contro la pandemia. Quasi tre ore di musiche, coreografie e canti, il tutto ambientato sulla pista dell’Aeroporto di Para, luogo simbolo di diversità e inclusione, con i protagonisti che, per l’occasione, hanno indossato una maglietta con su scritto #WeThe15, la campagna promossa dall’International Paralympic Committee (IPC) e dall’International Disability Alliance (IDA) per porre l’attenzione sui diritti delle persone con disabilità.
Attesa finita, dunque, per i 4400 atleti delle 162 delegazioni che, da domani, inizieranno a gareggiare. L’Italia, che si presenta a questo evento con il gruppo più numeroso di sempre, è stata rappresentata, durante la cerimonia di apertura, dalla schermitrice Beatrice ‘Bebe’ Vio e dal nuotatore Federico Morlacchi.

Fonte CIP