Roma, 16 dicembre 2020 – Più attenzione alle fragilità nel periodo Covid. L’iniziativa avviata dal Centro Igea di Frattamaggiore (Napoli) si pone l’obiettivo di dare una mano alle istituzioni sanitarie ma anche alle famiglie dei bimbi disabili e autistici.
“Siamo venuti a conoscenza di questa iniziativa da un amico e – spiega Asia Maraucci, presidente de ‘La Battaglia di Andrea’ – subito ci siamo messi in contatto con l’Igea Frattamaggiore per chiedergli di inserire in questo programma anche la scuola di Afragola (Napoli) che adesso frequenta nostro figlio Andrea, e la risposta é stata subito positiva; si tratta di una iniziativa eccezionale – prosegue – che auspichiamo in ogni città, é difficile curare i nostri piccoli in tempi di pace, figuriamoci adesso…”.
Grazie a questa iniziativa le famiglie dei bambini disabili possono evitare di spostarsi fuori dai comuni per fare accertamenti. In questo modo invece, dopo avere individuato una location, come una scuola, i genitori possono accompagnarli facilmente a fare gli accertamenti.
“Abbiamo deciso di fare sposare questa bella iniziativa di Igea Frattamaggiore proprio in concomitanza con il primo anniversario dell’esclusione di Andrea dalla scuola paritaria di Afragola – aggiunge il vicepresidente dell’Osservatorio La Battaglia di Andrea – all’odio che abbiamo ricevuto, rispondiamo con la solidarietà per tutti gli alunni disabili di Afragola”