Ministro Disabilità: ora decreti attuativi per la Legge Delega

Roma, 9 febbraio 2022 – Il Ministro per le Disabilità Erika Stefani ha risposto ad una interrogazione alla Camera in merito alle iniziative in corso per l’adozione dei decreti legislativi di attuazione della legge delega in materia di disabilità, entrata in vigore lo scorso 31 dicembre. “La legge delega costituisce il punto di partenza, ossia la cornice legislativa per la riforma complessiva della materia della disabilità, che sarà completata con l’adozione da parte del Governo dei decreti legislativi entro la fine del secondo trimestre dell’anno 2024” ha ricordato il Ministro. “Il 24 gennaio ho istituito una Commissione istituzionale di tipo consultivo, volta a sovraintendere al processo di predisposizione dei decreti legislativi. La Commissione, da me presieduta, è composta da rappresentanti delle Amministrazioni centrali, dell’Istituto Superiore di Sanità, delle Regioni, dell’Anci, dell’Inps, dell’Inail, dell’Istat, delle associazioni di categoria e dai rappresentanti del comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. In questi giorni – ha proseguito Stefani – ho definito la costituzione di una seconda Commissione di studio redigente per la predisposizione delle bozze di decreti legislativi” composta  “da qualificati esperti, anche esterni alle amministrazioni” che si è  “già riunita una prima volta ed ha previsto un calendario serrato di incontri”. “Tra i primi provvedimenti attuativi” anticipa il Ministro “vi sarà il decreto legislativo volto alla riqualificazione dei servizi pubblici in materia di accessibilità e quello istitutivo del garante nazionale delle disabilità”.
Nel corso del question time il Ministro Stefani è tornata a parlare anche di caregiver, ricordando che il Senato “da tempo ha avviato l’esame dei disegni di legge presentati dai diversi gruppi parlamentari, finalizzati a definire un quadro giuridico coerente per il riconoscimento della figura dei caregiver e per l’individuazione di adeguate misure di tutela e di sostegno” e per attuare “tali misure strutturali la legge di bilancio ha previsto un rifinanziamento dei fondi dedicati per il 2022  “pari a 80 milioni di euro”. Sulla richiesta di valutare percorsi di formazione permanente per i caregiver, Stefani ha replicato: “si può inserire senz’altro nell’ambito delle valutazioni in corso in sede di esame del disegno di legge presso la Commissione Lavoro del Senato. In modo da poter inserire tale aspetto, se condiviso, all’interno di una disciplina univoca e in un quadro di interventi strutturali e permanenti”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.