Sono i migranti a pagare di più la crisi legata alla pandemia

Roma, 26 luglio 2021 – Il calo dell’occupazione, il parallelo travaso nell’inattività e l’allargamento della povertà legati alla pandemia colpiscono in modo sproporzionato i lavoratori migranti in Italia. È una delle evidenze dell’XI Rapporto “Gli stranieri nel mercato del lavoro in Italia” pubblicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che, attraverso i dati di diverse fonti istituzionali, restituisce un quadro dettagliato della partecipazione dei migranti al lavoro e al welfare in Italia.
Gli occupati stranieri in Italia sono 2,3 milioni, circa il 10% del totale, ma il 35% degli occupati spariti nel 2020 (160 mila su 450 mila) sono stranieri. Gli occupati italiani sono calati dell’1,4%, gli extra UE del 6%, i comunitari del 7,1%. Parallelamente, gli inattivi italiani sono aumentati del 3,1%, gli extra UE del 15,1%, i comunitari del 18,7%.  Le donne straniere sono sempre più penalizzate (-10% di occupate extraUe nel 2020, contro il -3,4% di occupati extra UE e -1,6% di occupate italiane) e notevoli differenze si registrano anche tra settori e comunità diverse. 
Il rapporto mostra che, a parità di altre condizioni, gli stranieri hanno più probabilità degli italiani di perdere il posto. Il rischio è massimo per le giovani donne straniere, con basso livello di istruzione, occupate in professioni low skill (ovvero che non richiedono particolari competenze) e residenti nel meridione. Lo stesso identikit è anche al vertice della vulnerabilità percepita, quella delle persone che oggi temono di perdere il lavoro. 
Intanto, le famiglie in povertà assoluta sono nel 28% dei casi famiglie con stranieri (che però rappresentano meno del 9% delle famiglie in Italia) e l’incidenza di povertà assoluta è al 25% tra le famiglie con almeno uno straniero, mentre tra le famiglie di soli italiani si ferma al 6%. Nelle varie edizioni del reddito di emergenza, la misura di sostegno economico varata durante la pandemia, l’incidenza dei beneficiari extra UE oscilla tra il 25% e il 40%, anche se i cittadini extra UE sono solo il 6% della popolazione residente.  
Il rapporto è curato dalla Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione del MLPS, con il supporto di Anpal Servizi, in collaborazione con la Direzione Generale dei Sistemi Informativi, dell’Innovazione Tecnologica, del Monitoraggio dati e della Comunicazione, l’INPS, l’lNAIL e Unioncamere. L’undicesima edizione è arricchita da uno scenario sovranazionale tracciato dall’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) e da un approfondimento su stranieri e povertà curato dall’Istat.

2 thoughts on “Sono i migranti a pagare di più la crisi legata alla pandemia

  • 811209 678999Wow, fantastic weblog layout! How long have you been blogging for? you make blogging appear simple. The overall appear of your web web site is great, let alone the content material! 872255

  • 670098 440758Fantastic post, Im seeking forward to hear far more from you!! 960052

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.