Draghi: cambio di passo sulla sicurezza sul lavoro

Roma, 12 maggio 2021 – Sugli infortuni sul lavoro interviene anche il presidente del Consiglio Mario Draghi e riconosce, nel suo intervento di oggi in aula a Montecitorio, che la situazione va affrontata per il dramma che rappresenta realmente. “Con una media di oltre 3 morti al giorno, l’Italia si conferma al di sopra della media dei Paesi UE”, dice in aula. E conferma che presto ci sarà l’assunzione di nuovi ispettori. Non solo, sembra di capire che da adesso in poi le cose potrebbero cambiare. Anche perché “Ripresa e Resilienza” sono parole che non possono stare in un profilo di un Paese che deve sopportare ancora troppi incidenti sul lavoro, mortali e non. 
Il presidente del Consiglio, che ha voluto dedicare pochi minuti di raccoglimento a Luana D’Orazio, fa addirittura una classifica in Europa.  L’Italia si trova “in una posizione di poco migliore della Francia, ma molto distante dalla Germania – ha spiegato il premier -. Dobbiamo dunque investire sulla cultura della prevenzione e sulla vigilanza. È per questo che il Governo ha immediatamente disposto la convocazione della Cabina di regia per il coordinamento nazionale delle attività di vigilanza, prevista dal Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. In quella sede intendiamo valutare gli interventi per il rafforzamento delle attività ispettive che vogliamo adottare subito, con i prossimi provvedimenti legislativi. Questi interventi si inseriscono nel quadro previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che dedica una specifica linea di riforma proprio alla lotta al lavoro sommerso e al potenziamento delle attività di vigilanza. È prevista una strategia d’azione nazionale per rafforzare l’Ispettorato nazionale del lavoro, quale agenzia nazionale per la vigilanza sul lavoro, e incrementare strutturalmente i controlli”.
“La sospensione di molte attività produttive nel corso del 2020 ha sì portato a una diminuzione degli infortuni denunciati ovviamente nei primi nove mesi dell’anno – ha aggiunto Draghi -, questi sono però aumentati di nuovo nell’ultimo trimestre, in corrispondenza con la ripartenza dell’economia. Un altro aspetto rilevante che emerge dai dati più recenti è anche legato alla connotazione di genere. La flessione degli incidenti registrata riguarda soltanto gli uomini: nell’ultimo anno, su 10 denunce circa 7 hanno interessato le donne”.

7 thoughts on “Draghi: cambio di passo sulla sicurezza sul lavoro

  • Everyone loves it whenever people come together and share opinions.
    Great site, stick with it!

  • What’s up to all, how is everything, I think every one
    is getting more from this web page, and your views are pleasant
    in favor of new users.

  • 750933 918000My brother suggested I would possibly like this weblog. He was once entirely appropriate. This submit truly produced my day. You cant believe just how so significantly time I had spent for this data! Thank you! 254199

  • Do you have a spam problem on this site; I also am a blogger, and I was wanting to know your
    situation; many of us have created some nice procedures and we are looking to swap techniques with other folks, be sure
    to shoot me an e-mail if interested.

  • Hello this is somewhat of off topic but I was wondering if blogs
    use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML.
    I’m starting a blog soon but have no coding experience so I wanted to get guidance from someone
    with experience. Any help would be enormously appreciated!

  • Can I simply say what a comfort to find someone who genuinely understands what they are talking
    about on the net. You definitely understand how to bring an issue to light and make it important.

    More people need to read this and understand this side of your story.
    I was surprised you are not more popular given that you most certainly possess the gift.

  • I truly appreciate this post. I’ve been looking everywhere for this! Thank goodness I found it on Bing. You’ve made my day! Thank you again

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *