PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E Sicurezza sul lavoro: audizione Massimo Sessa

Sicurezza sul lavoro: audizione Massimo Sessa

Sicurezza sul lavoro: audizione Massimo Sessa

Presso l’aula del IV piano di Palazzo San Macuto, la Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati ha svolto l’audizione di Massimo Sessa, Presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici e della commissione, istituita dal Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini dopo l’incidente di Brandizzo, composta da esperti come avvocati e ingegneri che si occupano di sicurezza nei lavori pubblici e ferroviari.
L’obiettivo principale è indagare e migliorare le procedure di sicurezza sul lavoro.
La discussione ha evidenziato l’importanza della “Just Culture”, una cultura di sicurezza che permea ogni aspetto del lavoro, con particolare enfasi sulla formazione e l’attenzione costante. È stato sottolineato come il fattore umano giochi un ruolo cruciale nella prevenzione degli incidenti.
“Il fattore umano è un elemento che può fare la differenza in tema di sicurezza. Perché quando le funzioni sono ripetitive, se si fanno cose ripetitive si perde la soglia di attenzione che ci porta a entrare in un ambito in cui le probabilità o il rischio che si verifichi qualcosa di importante è molto elevato”, ha detto Sessa.
Durante l’audizione sono state analizzate le procedure di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) e le dinamiche degli incidenti. È emerso che il rispetto delle procedure avrebbe potuto prevenire l’incidente di Brandizzo. La commissione ha sottolineato la necessità di migliorare continuamente le procedure di sicurezza.
La relazione ha evidenziato l’importanza di una formazione continua e migliorata, l’adozione di tecnologie digitali per monitorare i tempi e le operazioni, e l’adattamento delle procedure alle nuove generazioni di lavoratori, più abituati all’uso di dispositivi digitali.
È stato spiegato il rapporto tra il Ministero delle Infrastrutture e RFI, con un contratto di programma che prevede investimenti e manutenzione ordinaria e straordinaria. Questo contratto viene aggiornato periodicamente e coinvolge diverse amministrazioni per la sua approvazione e attuazione.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO