Roma, 15 maggio 2020 – “Abbiamo preso nota delle segnalazioni inviate dalle autorità di Polonia e Paesi bassi, e chiesto a tutti i Paesi destinatari del materiale di tenerci al corrente su possibili problemi relativi alla qualità”. Sono queste le parole di un portavoce della Commissione europea in merito alla sospensione dell’invio di 10 milioni di mascherine mediche per operatori sanitari a 17 Stati membri Ue, Italia inclusa (più il Regno Unito), perché il primo lotto di 1,5 milioni di dispositivi potrebbe non essere conforme agli standard Ue di sicurezza.
In via precauzionale, infatti, Bruxelles ha deciso di sospendere le forniture del materiale, dicendo che se necessario prenderà le azioni legali richieste. Difatti nel quadro dell’acquisto delle maschere, l’Esecutivo ha scrupolosamente seguito le procedure di controllo.

#sicurezza #prevenzione #mascherine #Coronavirus #security #prevention #masks #Coronavirus