Scontro tra ambulanza e pullman a Urbino, 4 morti

28 dicembre 2023 – Quattro persone morte sul colpo e sette ferite in modo lieve. È il bilancio dello scontro frontale di eri pomeriggio tra un’ambulanza della Croce Rossa e un pullman carico di ragazzini e accompagnatori (un parroco e dei seminaristi) in gita parrocchiale avvenuto nella galleria Ca’ Gulino, lungo la SS73 bis, la cosiddetta “bretella” tra Urbino e Fermignano.
Il bilancio delle vittime. Nell’urto l’ambulanza, partita da Fossombrone, si è incendiata e i quattro occupanti non hanno avuto scampo: si tratta dell’equipaggio della Potes (un medico, un’infermiera e l’autista) e un paziente 80enne, che stavano portando all’ospedale di Urbino. Un intervento medico, a quanto si è appreso, assolutamente di routine. Dei feriti, quattro sono stati trasportati all’ospedale di Pesaro (due bambini e due accompagnatori), e tre a quello di Urbino (due ragazzi e un accompagnatore). Ma le loro ferite sono lievi e sono già in corso le procedure di dimissione. Sotto choc l’autista del pullman.
La dinamica dell’incidente. A giudicare dalle immagini, l’ambulanza avrebbe almeno parzialmente invaso la corsia opposta in una curva dentro la galleria, andando a incastrarsi sotto la ruota anteriore del pullman. A fare chiarezza definitiva saranno i rilievi condotti dalla polizia stradale. La Procura di Urbino è stata informata del sinistro. La SS73 bis è stata chiusa per ore, l’Anas ha effettuato controlli sulla stabilità della galleria, che subito dopo l’incidente è stata invasa da una densa nube di fumo.
I ragazzi coinvolti per fortuna illesi. Gli altri ragazzi – per fortuna illesi – che viaggiavano con il pullman sono stati trasferiti su un altro automezzo messo a disposizione dagli organizzatori della gita, una parrocchia di Grottammare (Ascoli Piceno) che ha fatto da capofila ad altre. Sono chierichetti, fanno sapere dalla parrocchia, stavano facendo un tour di due giorni, alla scoperta dei presepi dell’Urbinate e delle rievocazioni storico religiose nell’area. Anche per le loro famiglie sono state ore di tensione. Sono attesi a casa in serata, ancora provati dallo spavento.
Il cordoglio della Diocesi e delle istituzioni. La Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto Marche esprime in una nota “le più sentite condoglianze ai familiari delle vittime”. Ma è un lutto che interessa l’intero sistema sanitario locale. “Siamo profondamente addolorati per la perdita dei nostri operatori in questo tragico incidente – fa sapere la Direzione generale dell’Azienda sanitaria territoriale di Pesaro Urbino – Hanno dedicato la loro vita alla comunità e ai pazienti. Siamo vicini alle famiglie dei nostri colleghi e del paziente che ha perso la vita”. Molti i messaggi di cordoglio, tra i quali quello del presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli: “Una tragedia che ci sconvolge e lascia tutti senza parole – sottolinea in una nota – Mi stringo al dolore delle famiglie delle vittime e dei colleghi del sistema sanitario”.
Chi erano le vittime. Il medico della Potes di Fossombrone, Sokol Hoxha, 42 anni, albanese; l’infermiera Cinzia Mariotti, 49 anni, di Acqualagna; l’autista soccorritore Stefano Sabbatini, 59 anni, di Fossombrone: questi sono i sanitari morti nello scontro insieme al paziente trasportato Alberto Serfilippi, classe 1938. “Il personale sanitario che lavora in ambulanza rischia la vita ogni giorno e la mette a servizio dei pazienti – afferma in un commosso messaggio l’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini – Sono eroi silenziosi e quotidiani: quest’oggi tre di loro sono caduti per adempiere al loro dovere. Dobbiamo essere grati a tutti coloro che ogni giorno si mettono a servizio della comunità con coraggio ed altruismo”.