PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E Salario Minimo, Tridico presenta i numeri al Senato

Salario Minimo, Tridico presenta i numeri al Senato

Salario Minimo, Tridico presenta i numeri al Senato

11 gennaio 2021 – Fissando il salario minimo a 8 euro l’ora al netto della tredicesima e del Tfr ci sarebbe un maggiore reddito disponibile per i lavoratori (saldo tra maggiore retribuzione e maggiori imposte e contributi) di circa 3,3 miliardi. É la tesi del presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, sostenuta nel corso di una audizione al Senato. Tridico ha spiegato che per le imprese ci sarebbe un aumento delle retribuzioni lorde per 4,6 miliardi. I lavoratori coinvolti sarebbero il 13,8% del totale.
L’introduzione del salario minimo, così, secondo Tridico ridurrebbe le disuguaglianze e non dovrebbe portare a una riduzione dell’occupazione così come non è accaduto in Germania.
Il salario minimo a 8 euro l’ora al netto di tredicesima, quattordicesima e Tfr di fatto equivale a 9 euro l’ora incluse le mensilità aggiuntive.
L’introduzione di un salario minimo orario a otto euro, secondo il presidente dell’Inps, potrebbe significare per la finanza pubblica maggiori risorse per 1,5 miliardi (più contributi, Irpef, addizionali e meno assegni dal lato famiglie, più contributi e meno Ires-Irpef da quello imprese). Il maggiore gettito – sottolinea – “potrebbe finanziare sgravi per imprese nella fase di transizione” (ad esempio defiscalizzare parte o tutta la Naspi a carico dell’impresa).
Con la misura il costo del lavoro per le imprese lieviterebbe di 6,176 miliardi perché oltre ai 4,6 miliardi di retribuzione lorde in più ci sarebbero 1,613 miliardi di contributi sociali in più. Si ridurrebbe l’intensità della povertà con l'”income gap” ratio che passerebbe dal 35,2% al 33,8%.
Il salario minimo – sottolinea – avrebbe vantaggi in funzione anti-dumping sociale, contro la ‘contrattazione pirata’, e la law shopping, avrebbe effetti positivi sulla riduzione delle diseguaglianze, sul benessere dei lavoratori più deboli e per la finanza pubblica. Si avrebbe infatti “un incremento di gettito che potrebbe servire a defiscalizzare una parte del costo Naspi per le imprese (1,61% pari a 4 miliardi).

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO