Roma, 19 giugno: Convegno su Affettività, Sessualità, Disabilità

19 giugno 2019 – Si terrà a partire dalle ore 10.00 di oggi a Roma, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio, il convegno “Affettività, Sessualità, Disabilità: libertà, stereotipi, leggi”, organizzato dal Coordinamento Insieme Uguali e Diversi con il sostegno del CSV Lazio (Centro di Servizio per il Volontariato) e il patrocinio dell’Assessorato alla Persona, alla Scuola e alla Comunità Solidale di Roma Capitale. Come annunciato dai promotori “Si tratterà di un incontro all’insegna dell’informazione e della formazione, rivolto in particolare agli operatori, alle persone con disabilità e ai loro familiari, per favorire la realizzazione di una vita sessuale soddisfacente e creare le condizioni perché ciò sia possibile, impegnandosi innanzitutto attraverso una battaglia culturale, per superare gli stereotipi e i pregiudizi, oltreché creando le condizioni e gli strumenti che possano favorire la piena espressione di una dimensione esistenziale della persona, quali appunto l’affettività e la sessualità”.
Apriranno l’incontro Andrea Venuto e Laura Baldassarre, rispettivamente disability manager e assessore alla Persona, alla Scuola e alla Comunità Solidale di Roma Capitale. L’incontro sarà presentato da Virginio Massimo, presidente di Insieme Uguali e Diversi e moderato da Gabriella Ricciardi, autrice RAI.
Interverranno quindi Samantha Pastore, psicologa e psicoterapeuta, Daria Dolfini, psicologa, sessuologa e ricercatrice, Fabrizio Quattrini, sessuologo e psicoterapeuta, Armanda Salvucci, presidente dell’Associazione Nessuno tocchi Mario e ideatrice del progetto Sensuability.
Dopo una serie di altre testimonianze e prima delle conclusioni affidate a Virginio Massimo, è prevista una tavola rotonda, con la partecipazione, tra gli altri, di Antonella D’Elia, psichiatra e psicoterapeuta.

Guarda il corto di Marco Toscani su sesso e disabilità
Leggi l’intervista di Luce Tommasi a Marco Toscani
Leggi l’intervista di Luce Tommasi al protagonista del corto “Senza…Peccato”