Roma, 30 aprile – Musei e biblioteche potranno riaprire il 18 maggio. Lo ha annunciato il 26 aprile il Presidente dl Consiglio Giuseppe Conte nell’ormai consueto incontro in diretta con i cittadini ed ha confermato le linee del nuovo decreto e di quella che sarà la cosiddetta fase 2. Ma non sarà facile per tutti rispettare i requisiti di sicurezza affinché i luoghi della cultura possano tornare ad essere visitati. Ci sono luoghi più fortunati come ad esempio Villa Adriana a Tivoli che può vantare ampi percorsi tutti all’aperto, il MAXXI di Roma oppure il Parco Archeologico di Paestum dove si stanno mettendo a punto entrate contingentate e percorsi limitati e Pompei che riaprirà gradualmente ai turisti, ma in generale la ripartenza non sarà così semplice e scontata. Restano diversi aspetti da chiarire tra cui le linee guida del Governo che sono attese per la prossima settimana. Non si sa ancora ad esempio se saranno obbligatori i termoscanner, il plexiglass alle biglietterie o i tamponi per i dipendenti che torneranno al lavoro dopo circa due mesi di assenza. Si attendono quindi le disposizioni del Ministero della Salute sulla base delle considerazioni fatte dagli esperti del Comitato Tecnico Scientifico che saranno poi accolte dal Ministero dei Beni Culturali.

Per ulteriori informazioni: https://arte.sky.it/2020/04/riapertura-musei-decreto-maggio/