Processo Soilmec: ANMIL ammessa come parte civile a cura dell’Ufficio Istituzionale e Affari Legali

Roma, 5 luglio 2021 – È dei giorni scorsi la notizia che il Giudice Foschi del Tribunale di Forlì ha rigettato la richiesta di esclusione dell’ANMIL, proposta dai difensori degli imputati, nel procedimento contro i vertici societari e tecnici dell’azienda Soilmec.
All’udienza preliminare del 2 luglio u.s., il Giudice ha, infatti, ammesso la costituzione di parte civile di ANMIL ed ha disposto il rinvio a giudizio di tutti gli imputati, accusati di omicidio colposo e violazione di una serie di norme in materia di sicurezza sul lavoro, avanti al Tribunale Monocratico di Forlì.
Ricordiamo che il processo si è instaurato in seguito alla morte dell’operaio 45enne Marino Iannelli, dipendente della Soilmec Spa, che perse la vita il 23 febbraio 2017 in un cantiere dove lavorava in Turchia, colpito da un cavo d’acciaio di una trivella mentre era intento a svolgere attività di controllo e manutenzione di un macchinario che si era bloccato.
Il processo proseguirà, dunque, con l’apertura della fase dibattimentale con udienza fissata all’8 ottobre 2021.