Stoccaggio illecito di materiale esplodente e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro: sono queste le accuse nei confronti dei dieci titolari delle attività coinvolte nella vendita di botti a Torino in questi giorni. Rischiano sino a 5 anni di reclusione. Sono oltre 4 le tonnellate di fuochi d’artificio illegali, destinati alle imminenti feste di fine anno, che sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza di Torino.

I Baschi Verdi del Gruppo Pronto Impiego hanno individuato i magazzini in cui venivano stoccati, depositi fatiscenti sprovvisti di ogni sicurezza. Ammassati nei magazzini bengala, raudi e fontane luminose in batteria. Gli artifici pirotecnici nei prossimi giorni verranno fatti brillare dagli artificieri in apposita area attrezzata.