GIORNATA DELLA DONNA: L’ANMIL IN CAMPO CON UN WEBINAR IL 7 MARZO ALLE ORE 11.00

Roma, 7 marzo 2024 – Si intitola Donne e infortuni. Le protagoniste si raccontano”, il Seminario online che l’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) ha organizzato oggi, giovedì 7 marzo, dalle ore 11.00 alle ore 13.00, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, e che trasmette in diretta streaming, attraverso Radio ANMIL Network, sulle Pagine Facebook e LinkedIn e sul Canale YouTube associativi.
L’iniziativa, aperta a tutti i cittadini, mira a richiamare l’attenzione su quanto sia ancora necessario fare per migliorare la sicurezza sul lavoro delle donne e, all’indomani di un infortunio cui consegue una disabilità permanente, favorire il loro reinserimento lavorativo come pure quello delle superstiti dei caduti sul lavoro. Pertanto, parliamo di una spinta a risvegliare l’impegno collettivo per il superamento dei principali fattori di discriminazione di genere e degli ostacoli e le resistenze che la questione richiama.
La trasmissione, condotta dalla giornalista Luce Tommasi e dalla Capo Area Attività istituzionali, Comunicazione e Relazioni esterne ANMIL, Marinella de Maffutiis, oltre del Presidente nazionale ANMIL Zoello Forni prevede la partecipazione: dell’On. Alessandra Locatelli, Ministro per le disabilità; della Sen. Elena Murelli, Membro della 10ª Commissione permanente (Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale); dell’On. Chiara Gribaudo, Presidente della Commissione parlamentare di Inchiesta sulle Condizioni di lavoro della Camera dei deputati; della Commissione per le Pari Opportunità ANMIL composta da Maria Agnello (Ragusa), Anna Di Carlo (Pescara), Adele Chiello Tusa (Genova), Gianclaudio Ferro (Rimini), Savio Dimonte (Bari); di Giorgia Lauretta del Comitato Esecutivo ANMIL; di Franco D’Amico, Esperto statistico ANMIL; di Ester Rotoli, Direttore della Direzione Centrale Prevenzione INAIL; della Sen. Elena Murelli, Membro della 10ª Commissione permanente (Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale); di Antonella Ricci, Consigliere nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro con delega alla Commissione per la parità di genere; di Lucia Isolani, Direttore del Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro dell’Azienda sanitaria territoriale (AST) di Macerata; di Julia Faccin, Responsabile di Impatto, Sostenibilità e Strategie ESG alla Progesto s.r.l. S.B.; di Paola Batignani, Vicepresidente della Fondazione ANMIL ‘Sosteniamoli subito’; di Gabriella Magri, Consigliera dell’Ordine degli Ingegneri di Parma e Componente della Commissione Sicurezza della Regione Emilia-Romagna; di Elisabetta Camussi, Presidente della Fondazione Ossicini e membro del Comitato Pari Opportunità del CNOP.
La puntata speciale di Radio ANMIL Network di oggi vuole riflettere su come i numeri degli infortuni sul lavoro “al femminile” continuino ad attestarsi su livelli elevati e su come i dati sull’inserimento lavorativo delle donne ci parlano di un mercato in cui sono proprio le donne con disabilità a subire una doppia discriminazione e ad essere ancor più escluse dal mercato del lavoro rispetto agli uomini con disabilità.
Come ricorda il Presidente nazionale ANMIL Zoello Forni “Ogni anno si verificano tra le donne lavoratrici circa 246.000 eventi lesivi tra infortuni sul lavoro e malattie professionali, che rappresentano oltre un terzo del totale. Tra questi eventi un numero elevato ha purtroppo esito mortale o molto grave: ogni anno circa 2.000 donne diventano “disabili da lavoro. Un numero da non sottovalutare, se si pensa che le donne generalmente non sono occupate nelle attività ad alto rischio infortunistico, nelle quali è molto più presente la componente maschile.
In questa ricorrenza è importante sottolineare come queste donne oltre al trauma dell’infortunio e ai suoi risvolti nella vita quotidiana, vanno spesso incontro a gravi difficoltà di reinserimento nel mondo del lavoro, e vi sono poi donne per le quali un incidente sul lavoro o una malattia professionale hanno significato perdere il proprio compagno di vita, anche a loro l’ANMIL vuole dedicare questa Giornata e continuare ad impegnarsi con azioni concrete”.

Ricordiamo che sono disponibili dati sugli infortuni sul lavoro e, per chiunque lo desiderasse, oltre al Presidente dell’ANMIL per dichiarazioni sulle principali problematiche che riguardano le vittime del lavoro e loro familiari, anche storie e testimonianze per interviste e approfondimenti con professionisti ed esperti.