Pensione anticipata a 64 anni di età e 38 di contributi

Roma, 11 marzo 2022 – La legge di bilancio 2022 riconosce il diritto alla pensione anticipata al raggiungimento, entro il 31 dicembre 2022, di un’età anagrafica di almeno 64 anni e di un’anzianità contributiva minima di 38 anni.
L’INPS, con la circolare 8 marzo 2022, n. 38, fornisce le istruzioni per l’applicazione delle nuove disposizioni.
L’Istituto precisa che il diritto alla pensione anticipata maturato entro il 31 dicembre 2022 può essere fatto valere anche successivamente a tale data, ai fini del conseguimento della pensione, fermo restando il decorso del tempo previsto per l’apertura della c.d. finestra, senza adeguamento agli incrementi alla speranza di vita.
In analogia alla precedente disciplina, quota 100, è possibile:
– cumulare, tutti e per intero, i periodi assicurativi versati o accreditati presso due o più forme di assicurazione obbligatoria, gestite dall’INPS;
– è vietato cumulare con i redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione di quelli da lavoro autonomo occasionale nel limite dei 5.000 euro lordi annui.

Non possono accedere alla pensione anticipata in oggetto il personale militare delle Forze armate, delle Forze di polizia e di Polizia penitenziaria, nonché il personale operativo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e il personale della Guardia di finanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.