Parlamento UE: ok a Carta europea disabilità

Roma, 30 aprile 2024 – Il Parlamento Europeo ha discusso e approvato importanti novità in tema di libera circolazione delle persone con disabilità, attraverso la Carta europea della disabilità e il nuovo contrassegno unificato. L’accordo è stato approvato con 607 voti favorevoli, 7 contrari e 11 astensioni. E’ stata inoltre approvata la relazione sull’estensione ai cittadini di paesi terzi.
Si tratta di un progetto che si pone l’obiettivo, attraverso questi due strumenti, di semplificare la libera circolazione e l’accesso alle agevolazioni perviste negli Stati membri dell’UE quando ci si trova al difuori della propria nazione.
La Disability Card europea sarà una tessera che funzionerà come prova della disabilità in tutta l’UE: durante i soggiorni di breve durata in altri Paesi dell’Unione Europea, alle persone con disabilità sarà garantito pari accesso a condizioni speciali e trattamenti preferenziali rispetto a servizi, attività e strutture pubbliche e private (come, ad es. accessi prioritari, tariffe ridotte, assistenza personale e guide in braille o audio per trasporti, eventi culturali, musei, centri ricreativi e sportivi, parchi di divertimento). La tessera integrerà le tessere o i certificati nazionali esistenti e riconosce il ruolo di ciascuno Stato membro nella valutazione dello stato di disabilità.
Analogamente, la tessera di contrassegno europeo per il parcheggio disabili servirà a fornire ai suoi titolari gli stessi diritti di parcheggio in tutta l’UE, garantendo parità di accesso ai parcheggi riservati designati e ad altre condizioni e strutture di parcheggio.
L’eurodeputata Lucia Ďuriš Nicholsonová  ha dichiarato: “Le persone con disabilità hanno lottato per questo accordo per 15 anni” e “sono state al centro delle nostre preoccupazioni”. Ha illustrato i progressi compiuti dai negoziatori del Parlamento europeo rispetto alla direttiva, tra cui l’estensione ai programmi di mobilità dell’UE, l’emissione gratuita delle carte e l’impegno a un’ulteriore analisi delle questioni relative alla libera circolazione entro 5 anni.
Soddisfazione è stata espressa dal Forum europeo sulla disabilità per questa approvazione, che dovrebbe rappresentare la conclusione di un lungo iter politico. Il Forum segnala tuttavia con rammarico che le barriere burocratiche ritarderanno la pubblicazione del testo fino a dopo le elezioni europee. “Sebbene il processo politico sia ormai concluso, si registrano alcuni ritardi per quanto riguarda la redazione giuridica del testo e la sua traduzione giuridica nelle 27 lingue dell’UE. Abbiamo sostenuto la necessità di dare priorità a questo fascicolo nella traduzione perché il termine per l’attuazione – affinché le Carte diventino realtà – inizierà solo dopo la pubblicazione del testo. Ciò significa che il testo ufficiale non ha potuto essere approvato prima delle elezioni europee. Ci è stato detto che ciò è dovuto solo all’insolita quantità di testi giuridici che sono stati approvati negli ultimi mesi, e siamo rassicurati che il contenuto del testo ufficiale non cambierà” afferma il Forum europeo in una nota, invitando gli Stati membri dell’UE a prendere in considerazione la possibilità di anticipare le scadenze nazionali di attuazione della carta.