Operaio muore folgorato nel Tarantino

Roma, 9 aprile 2024 – Un operaio di 60 anni, Angelo Cotugno, di San Marzano (Taranto), è morto folgorato mentre era in corso una gettata di cemento per coprire alcune tubazioni. L’incidente – a quanto si apprende – è avvenuto nel cantiere della nuova superstrada che collegherà Taranto ad Avetrana. La parte alta del mezzo, dalla quale fuoriusciva il cemento – secondo una prima ricostruzione – avrebbe toccato i cavi aerei dell’alta tensione, provocando il decesso dell’uomo.
Sul posto sono al lavoro agenti della Polizia di Stato, della Scientifica e il personale del 118. Inutili i soccorsi. La Procura di Taranto aprirà un fascicolo d’indagine. Angelo Cotugno lavorava per conto della ditta Semat e nonostante i tentativi da parte degli operatori del 118  di rianimarlo  con un defibrillatore, per l’uomo non c’è stato nulla da fare.
Accertamenti sono in corso da parte della Polizia e degli ispettori del lavoro per fare luce su dinamica e responsabilità.