Ok a bozza Piano nazionale non autosufficienza 2022-2024

Roma, 26 luglio 2022 – Ieri, 25 luglio 2022, si è tenuto un incontro tra i membri della ‘Rete della protezione e dell’inclusione sociale’ e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando.
Al centro della riunione la discussione sulla bozza del secondo ‘Piano nazionale per la non autosufficienza’ del triennio 2022-2024. Si tratta di un documento che contiene le misure volte a favorire e sviluppare la protezione e l’inclusione sociale delle persone non autosufficienti sul territorio nazionale, mettendo in campo 822 milioni di euro nel 2022 fino a 913 milioni nel 2024.
Come ha ricordato il Ministro Orlando, l’urgenza di adottare il Piano deriva soprattutto dalle enormi difficoltà affrontate dai soggetti più fragili durante l’emergenza pandemica, che ha spesso causato situazioni di isolamento per queste persone e per le loro famiglie.
Entrando nel dettaglio, il nuovo Piano intende realizzare progressivamente i Leps (Livelli Essenziali delle Prestazioni in ambito Sociale) introdotti dalla legge di bilancio per il 2022, in linea di continuità con i servizi già offerti ma con una visione orientata alla presa in carico individuale del soggetto beneficiario. Gli ambiti di intervento sono tre:

  • «l’assistenza domiciliare sociale e assistenza sociale integrata con i servizi sanitari con riflesso sulle soluzioni abitative e servizi di domotica;
  • servizi sociali di sollievo per le persone anziane non autosufficienti e le loro famiglie;
  • servizi sociali di supporto per le persone anziane non autosufficienti e le loro famiglie, quali la messa a disposizione di strumenti qualificati per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro per assistenti familiari».

(Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, 25 luglio 2022)