Morti sul lavoro: rider investito e operaio cade nel vuoto

Roma, 12 marzo 2024 – Ieri sera, un rider pachistano di 45 anni è morto schiacciato dalla sua auto appena parcheggiata per effettuare delle consegne a domicilio di kebab a Torrimpietra, vicino Roma. Forse per distrazione o stanchezza non avrebbe inserito il freno a mano e l’auto, a causa della pendenza della strada, ha preso velocità.
L’allarme è scattato intorno alle 22 in via Elini. All’arrivo dei soccorsi per Latif Rana Zahid, titolare di un locale kebab della zona, non c’era più nulla da fare.
Sul posto i carabinieri della stazione di Torrimpietra che hanno avviato indagini. Fin da subito gli investigatori hanno ipotizzato una tragedia. Probabilmente l’uomo non ha inserito il freno prima di scendere dalla vettura oppure potrebbe esserci stato un malfunzionamento. 
In quel momento Zahid era da solo e non sono stati trovati testimoni diretti dell’incidente, avvenuto in una strada non particolarmente frequentata la sera. L’allarme è scattato quando è stato notato l’uomo a terra schiacciato dalla vettura.
Altro incidente mortale sul lavoro quando ieri un operaio di origini albanesi di 43 anni è morto in un cantiere a Carpenedolo, in provincia di Brescia. Secondo le prime ricostruzioni l’uomo – che era al lavoro nel cantiere per conto di una ditta esterna – è precipitato nel vuoto ed è morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Desenzano e i tecnici dell’Ats di Brescia.