“Morire per una pizza”. Continua la protesta dei rider

30 dicembre 2019 – Ancora una volta e ancora in massa, i rider d’Italia sono scesi in piazza per manifestare contro sfruttamento e mancanza di tutele. Il sit-in si è tenuto in Piazza Castello a Torino lo scorso sabato al grido di “Rischiamo di morire per una pizza”.
Lo scorso 19 dicembre, un rider di origini pakistane, Zohaib, è stato investito da un pirata della strada (poi fuggito). Zohaib, lavoratore dell’azienda Glovo, è in coma all’ospedale San Giovanni Bosco.
Dal primo gennaio al 25 ottobre di quest’anno, 25 incidenti hanno coinvolto rider impegnati nelle consegne a domicilio di cibo: 4 di loro hanno perso la vita e 21 sono rimasti feriti, dei quali 6 con prognosi riservata. A novembre del 2019, l’Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale (ASAPS) ha deciso di dar vita ad un nuovo osservatorio: “Incidenti Rider Food Delivery” che analizza gli incidenti gravi con decessi e feriti che hanno coinvolto i cosiddetti “rider”. (Per consultare il report dell’osservatorio cliccare qui)

 

3 thoughts on ““Morire per una pizza”. Continua la protesta dei rider

  • 885515 557327Really good post. I just stumbled upon your weblog and wanted to say that Ive truly enjoyed surfing around your weblog posts. After all I will be subscribing to your feed and I hope you write once again extremely soon! 712058

  • 281505 150838Maximize your by how a large amount of gear are employed internationally and will often impart numerous memory making use of that your is also fighting that is actually a result from our team rrnside the twenty 1st centuries. daily deal livingsocial discount baltimore washington 360453

  • 394368 35979Hi! Do you know if they make any plugins to safeguard against hackers? Im kinda paranoid about losing everything Ive worked hard on. Any ideas? 259555

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.