Moby Prince: parte la nuova inchiesta parlamentare

Roma, 9 aprile 2024 – A trentatré anni dalla tragedia del Moby Prince riprende l’inchiesta parlamentare per fare luce sul drammatico incidente che, il 10 aprile 1991, costò la vita a 140 persone. Il più grande disastro della marina civile italiana, che si consumò a poche centinaia di metri dalla costa di Livorno, dove il traghetto Moby Prince si scontrò fatalmente, per cause ancora mai del tutto chiarite, con la petroliera Agip Abruzzi.
La Commissione di Montecitorio, da poco ricostituita e presieduta dall’On. Pietro Pittalis, riparte dall’audizione di Andrea Romano, già Presidente dell’organo nella precedente legislatura. “E’ stato già compiuto un grande lavoro di indagine – ricorda Romano – in modo costruttivo e collaborativo da tutti i componenti delle passate commissioni. Mi auguro che non si riparta da zero, ma che si prosegua e si vada avanti per cercare di arrivare a una conclusione che faccia piena luce su questa terribile vicenda. Eravamo arrivati al punto in cui è ormai acclarata la presenza di una terza nave che probabilmente determinò la virata del Moby Prince e la successiva collisione con la petroliera. Ora è importante avere il supporto dei tracciati radar satellitari che possono essere forniti dagli Stati Uniti e dalla Federazione Russa e qualsiasi contributo utile a fare chiarezza”.
Domani a Livorno la commemorazione annuale organizzata dal Comune, con il patrocinio della Camera dei Deputati, della Regione Toscana, della Provincia di Livorno, dell’Associazione ‘140 Familiari delle Vittime del Moby Prince’ e dell’associazione ’10 Aprile Vittime del Moby Prince, alla quale parteciperà anche il Presidente Nazionale ANMIL Zoello Forni, insieme al Presidente ANMIL di Livorno Stefano di Bartolomeo e ad una delegazione di rappresentanti dell’Associazione sul territorio.
“Rinnoviamo l’appello per la verità e la giustizia: lo dobbiamo alle vittime e alle loro famiglie, che ancora oggi vivono nel dolore e nella rabbia per una tragedia che poteva essere evitata” dichiara il Presidente Forni. “Il nostro auspicio è che la nuova Commissione parlamentare di inchiesta sul Moby Prince , da poco costituita, possa contribuire a fare chiarezza e a dare le risposte che dopo 33 anni non siamo riusciti ad avere, in continuità con le inchieste svolte nelle precedenti legislature”.