Padova: un’installazione per le vittime del lavoro

10 giugno 2019 – Un albero davvero speciale con 1.133 foglie in rame e alluminio è stato realizzato dagli studenti dell’Itis Euganeo e dell’Ipia di Este per ricordare i caduti sul lavoro dello scorso anno ed è stato inaugurato nella sede del Liceo Enrico Fermi a Padova. Nato da un’idea della professoressa Elisa Bussi, grazie alla disponibilità di colleghi, sindacati e ANMIL, l’installazione è diventata realtà e la sua forza comunicativa è rafforzata dalla frase disegnata sul muro accanto all’albero: “Il lavoro è libertà. L’ignoranza e lo sfruttamento uccidono”. Durante la lunga fase di realizzazione dell’albero-monumento, i 140 studenti coinvolti hanno approfondito la tematica della sicurezza in ambito lavorativo con alcuni sindacalisti di Cgil Veneto e Cgil Padova e hanno seguito costantemente l’informazione sul tema, consultanto meticolosamente le rassegne stampa ed effettuando ricerche mirate. Il tracciato delle morti sul lavoro nel 2018 che ne è scaturito corrisponde al numero delle foglie in alluminio e rame che decorano l’albero- installazione: 1.133 appunto. I nomi delle vittime sono stati incisi sul tronco dell’albero con l’idea di aggiornare l’elenco di anno in anno, nella speranza di conoscere dei bilanci lontani dai numeri rilevati dal lavoro dei ragazzi.