Le regioni devono dare il loro contributo sulla sicurezza nel lavoro

Roma, 19 aprile 2024 – “Per contrastare il fenomeno degli incidenti sul lavoro in modo sempre più efficace è indispensabile il contributo e la presa di responsabilità delle Regioni, che vanno coinvolte sia nell’analisi del quadro normativo attuale che nella formulazione di proposte organiche di intervento” dichiarano le Regioni durante la Conferenza Stato-Regioni sul tema della sicurezza. I provvedimenti, affermano i governatori, “accentrano le prerogative e quindi inficiano anche le responsabilità e le competenze regionali”. 
Le regioni lamentano di aver appreso solo “dagli organi di stampa dell’istituzione di una Commissione su iniziativa del ministro della Giustizia – d’intesa con il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali – incaricata di analizzare il quadro normativo attuale e formulare proposte di intervento, dalla quale sono esclusi il ministero della Salute e il sistema delle Regioni”. I governatori chiedono quindi “di avviare un confronto politico per affrontare dal punto di vista sistemico il tema della prevenzione degli infortuni sul lavoro, assicurando la disponibilità in tale ambito della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, che non può essere esclusa dalle discussioni in corso sull’individuazione di provvedimenti organici per affrontare e contrastare in ogni modo il fenomeno degli infortuni sul lavoro”.