Operaio si spara un colpo all’addome. Ieri altri tre feriti

Roma, 20 aprile 2021 – Un 58enne è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Santa Maria Nuova dopo essersi inavvertitamente sparato un colpo di pistola alla pancia. Il tutto si è verificato oggi poco prima delle 9.30 nella frazione di Corticella, in provincia di Reggio Emilia. L’uomo è un dipendente di un’azienda di trasporto di animali, incaricata di portare una mucca anziana al macello. Come previsto dalle normative, se l’animale fatica a salire sul camion, è previsto l’abbattimento in loco. Nell’eseguire l’operazione, per cause al vaglio, ha inavvertitamente esploso un colpo di pistola che lo ha centrato nell’addome.
Nella giornata di ieri, in provincia di Padova, si è verificato un incidente sul lavoro che ha visto coinvolti il titolare della ditta Mason di Loreggia e uno dei suoi operai residente nella Marca. Entrambi sono stati ricoverati in ospedale. La benna di un escavatore si è staccata dal braccio ed è finita addosso al titolare dell’impresa, M.F. di 56 anni, colpito alla testa e a un operaio di 32 anni, B.M. residente a Borso del Grappa. Il 56enne è stato portato all’ospedale di Camposampiero, mentre il suo dipendente è stato elitrasportato a Padova con lesioni alle gambe e al torace. Nessuno dei due sarebbe in pericolo di vita. Sempre ieri a Carmagnola, in provincia di Cuneo, un operaio di 39 anni è caduto una piattaforma. Il fatto è avvenuto poco dopo le 14 nel cantiere di via Parrucchetto, sede del futuro polo logistico Lidl: l’uomo, di origine marocchina, si trovava sulla piattaforma di una gru, a circa quindici metri d’altezza, quando ha perso l’equilibrio ed è caduto; è dunque atterrato su un ponteggio, dopo un volo di circa sette metri.