Lavoro, mercoledì 3 marzo due morti e cinque feriti

Roma, 4 marzo 2021 – Tragedia nel pomeriggio di ieri sulla provinciale 129 a Pinerolo, in provincia di Torino. Per cause in fase di ricostruzione due operai cantonieri della Città Metropolitana sono stati investiti da un mezzo compattatore della Csea, una società che si occupa della raccolta dei rifiuti. Sul colpo è morto Rino Riceli, 44 anni, di Torre Pellice. Il suo collega, un 56enne di San Secondo di Pinerolo, è ricoverato in condizioni critiche al Cto di Torino (ha un trauma cranico gravissimo) dove è stato trasportato dall’elisoccorso. 
E’ rimasto intrappolato tra le lame della fresa ed è finito sotto il trattore. Non c’è stato niente da fare per un uomo di 70 anni, morto mercoledì pomeriggio in un incidente sul lavoro a San Stino di Livenza, in provincia di Treviso. L’anziano, intorno alle 15.30, stava operando con un piccolo trattore in un campo di via Malintrada quando si è verificato l’incidente. Le squadre dei vigili del fuoco arrivate da Portogruaro e da Motta di Livenza hanno liberato il 70enne, rimasto incastrato tra le lame, ma ogni tentativo di soccorso si è rivelato vano a causa delle gravi ferite riportate.
Un altro grave infortunio sul lavoro ieri mattina in centro a Trieste. Un operaio di 46 anni originario di Monfalcone, titolare di una ditta edile, è precipitato da una scala e ha sbattuto violentemente la testa per terra. A causa della caduta il quarantaseienne ha riportato un trauma cranico nella zona occipitale. Un analogo incidente, e con una dinamica simile, si era verificato pochi giorni fa a Trieste, peraltro in una zona molto vicina a quella dell’incidente di ieri: il 24 febbraio un uomo di 71 anni era stato ricoverato in gravi condizioni dopo essere scivolato da una scala all’interno di un salone di parrucchieri
Incidente sul lavoro in Lungadige Galtarossa dove presso le Acciaierie Pittine un operaio, di circa 45 anni, ha subito un trauma da schiacciamento all’addome mentre stava lavorando. Soccorso dal 118, è stato trasportato in ambulanza in codice rosso all’ospedale di Borgo Trento.
A Livorno, un uomo si è schiacciato la mano mentre stava chiudendo il portellone di un container. L’incidente è avvenuto all’interno del piazzale della Sintermar 3 in via dello Scolmatore L’uomo, un camionista di 47 anni, si è procurato la subamputazione della falange di una mano, rimasta schiacciata. Un operaio di nazionalità cinese, infine, impegnato in operazioni di magazzinaggio, è rimasto seriamente ferito ad un arto in una ditta di logistica di Anagni, in provincia di Frosinone. Le sue condizioni non sono gravi ma si è reso necessario il ricovero d’urgenza in un ospedale di Roma.