9 febbraio 2021 – Ancora incidenti sul lavoro in Toscana, ancora un lavoratore deceduto. Dopo il tragico bilancio di tre morti la settimana scorsa, tra cui un giovane di appena ventidue anni, questa mattina a Empoli, un uomo è morto e un altro è rimasto ferito dopo l’esplosione di un compressore all’interno di una falegnameria. La vittima è stata rinvenuta sotto mobili e pezzi di legno. Per lui non c’è stato niente da fare..
Sempre in Toscana, e sempre oggi, per la precisione a Livorno, un operaio di 41 anni che si trovava all’interno di un piazzale è caduto da un container da un’altezza di circa due metri . Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo, per motivi ancora da chiarire, avrebbe perso l’equilibrio finendo violentemente a terra sbattendo la testa contro il terreno. Le sue condizioni non sono gravi. 
Un altro incidente accaduto oggi, al confine tra Lissone e Monza all’interno di un’azienda. Non si conoscono i particolari. Si sa soltanto che un uomo di 44 anni è stato dapprima medicato sul posto e poi trasportato in codice giallo al San Gerardo di Monza.
Il bilancio di ieri, inoltre, riporta un incidente sul lavoro a Torre Angela, alla periferia di Roma, dove due operai sono stati costretti alle cure dell’ospedale sono stati ricoverati in ospedale per le conseguenze di un investimento di una gru “ragno”, all’opera per alcuni lavori di manutenzione ordinaria della facciata di un palazzo. I due operai, di 47 e 56 anni, sono rimasti feriti: entrambi trasportati in codice giallo presso gli ospedali Sandro Pertini e Policlinico Casilino.
Sempre ieri, nel pomeriggio a Cigole, comune della Bassa Bresciana,  un agricoltore di 59 anni, Innocente Ferrazzoli, è morto mentre stava potando i rami di una pianta all’interno della sua azienda agricola, il Gambaro, che si trova immersa nelle campagne del paese ed è specializzata nell’allevamento di bestiame. L’imprenditore zootecnico stava lavorando da solo quando è presumibilmente scivolato, piombando a terra. La caduta dall’alto gli è stata fatale.