Lavoro domestico, contro la carenza allargare i flussi

Roma, 20 maggio 2022 – Il lavoro domestico continua a registrare una importante mancanza di personale. Secondo Assindatcolf e Censis, che su questo hanno presentato un dettagliato rapporto, erano 920mila nel 2020, per il 70% stranieri. Parliamo di lavoratori regolari, perché in totale sarebbero più del doppio. Secondo le stime i regolari sarebbero solo il 40%, mentre sei badanti e colf su dieci lavorano in nero. Assindatcolf calcola poi che oltre il 50% dei domestici ha più di 50 anni e questo vuol dire che in un decennio la forza lavoro regolare si dimezzerà, mentre la popolazione anziana che ha bisogno di assistenza continua a crescere. Da qui nasce la richiesta di aprire a flussi regolari dall’estero.
Allargare, quindi, le maglie del decreto flussi e assumere rifugiati ucraini in fuga dalla guerra: è questa la ‘soluzione’ indicata dalle famiglie datrici di lavoro domestico per far fronte alla scarsa disponibilità di personale disposto a lavorare come colf, badante o baby sitter.
Secondo i dati che emergono dall’indagine 6 famiglie su 10 (il 59% del campione) valutano positivamente il recente provvedimento che consente l’assunzione dei profughi ucraini in fuga dalla guerra che abbiano fatto richiesta di protezione temporanea. Nel dettaglio, se il 20,5% delle famiglie indica come effetto positivo la maggiore disponibilità di personale domestico e il 13,9% sottolinea l’importanza di poter far fronte alla domanda di lavoratori conviventi da parte delle famiglie, il 24,6% considera, però, rilevante l’eventualità che la permanenza in Italia dei rifugiati ucraini possa essere di breve termine. Al contrario, circa un quinto delle famiglie non ritiene risolutivo, nell’immediato, il provvedimento, soprattutto se si considerano aspetti come la lingua (17,5%) o il livello di vaccinazione contro il Covid, tendenzialmente inferiore in Ucraina rispetto a quello dell’Italia (3,8%).
Sempre relativamente al problema della carenza di personale domestico, 7 famiglie su 10 vedono nell’allargamento dell’annuale Decreto-Flussi un’opportunità. Di queste il 48% teme però che non sia risolutivo se si guarda alle professionalità che interessano le famiglie. Al netto di chi non si esprime (il 14,3%), il giudizio negativo accomuna il 12,1% sul totale delle famiglie: il 6,4% motiva la propria posizione esprimendo una preferenza per la nazionalità italiana del lavoratore, il 5,5% considera, invece, prioritario non aumentare gli ingressi di lavoratori extracomunitari in Italia.  
Infine la situazione economica delle famiglie datrici di lavoro domestico che, proprio a cavallo dello scoppio del conflitto russo-ucraino, subisce un tendenziale peggioramento. Stando alla ricerca Censis-Assindatcolf, tra novembre del 2021 e maggio di quest’anno si riduce, infatti, l’area della “stabilità” (dal 68,1% al 59,5%) e la percezione negativa riguarda oggi il 36,9% delle famiglie (contro il 26,7% di sei mesi addietro).
Il prossimo futuro non riserva un cambiamento di clima: anche in questo caso la percezione di una situazione stabile cede una quota importante a giudizi più pessimisti sui prossimi 6 mesi (oltre 14 punti percentuali in meno fra novembre e maggio).
“La realtà che emerge dall’indagine commissionata al Censis – dichiara Andrea Zini, presidente di Assindatcolf – è ormai largamente nota, soprattutto a chi la vive in prima persona.
L’Italia è un paese che tende strutturalmente all’invecchiamento ma dove, paradossalmente, è sempre più difficile trovare personale fidato e competente. Ad un mancato ricambio generazionale della forza lavoro, che per oltre la metà è over 50, si aggiunge poi la questione flussi di ingresso, molto sentita considerando che il 70% dei lavoratori sono stranieri e che da oltre un decennio non vengono dedicate quote specifiche.
Un altro paradosso che, se affrontato, potrebbe risolvere il problema della carenza di personale, come testimoniamo le famiglie stesse che oggi valutano positivamente anche la possibilità di assumere rifugiati ucraini. In questa prospettiva sarebbe utile replicare nel settore domestico quello che è avvenuto nell’edilizia, dove è stato siglato un protocollo di intesa tra i Ministeri del Lavoro e dell’Interno per favorire l’inserimento socio lavorativo di richiedenti e titolari di protezione internazionale e altri cittadini stranieri in condizioni di vulnerabilità. Accogliamo, dunque, con favore l’apertura del Ministro Orlando, che si è detto pronto a firmare accordi analoghi anche in altri settori: Assindatcolf – conclude Zini – è da subito disponibile a lavorare su un percorso ad hoc per il comparto domestico”.  

 

16 thoughts on “Lavoro domestico, contro la carenza allargare i flussi

  • Hmm it looks like your website ate my first comment (it was extremely long) so I guess I’ll just sum it up what I had written and say, I’m thoroughly enjoying your blog. I as well am an aspiring blog writer but I’m still new to the whole thing. Do you have any tips and hints for inexperienced blog writers? I’d certainly appreciate it.

  • I carry on listening to the newscast talk about getting free online grant applications so I have been looking around for the top site to get one. Could you tell me please, where could i get some?

  • I’m impressed, I must say. Really not often do I encounter a weblog that’s each educative and entertaining, and let me inform you, you will have hit the nail on the head. Your concept is outstanding; the problem is something that not sufficient persons are talking intelligently about. I am very glad that I stumbled across this in my search for something regarding this.

  • you have a great blog here! would you like to make some invite posts on my blog?

  • Hey very nice blog!! Man .. Excellent .. Amazing .. I’ll bookmark your website and take the feeds also…I’m happy to find numerous useful info here in the post, we need develop more strategies in this regard, thanks for sharing. . . . . .

  • Thank you for another magnificent post. The place else may just anyone get that type of information in such a perfect approach of writing? I have a presentation next week, and I’m on the look for such information.

  • I am extremely inspired with your writing abilities and also with the format in your weblog. Is that this a paid subject matter or did you modify it your self? Either way keep up the nice high quality writing, it’s uncommon to peer a great blog like this one today..

  • so much excellent information on here, : D.

  • Appreciating the hard work you put into your website and detailed information you present. It’s awesome to come across a blog every once in a while that isn’t the same out of date rehashed material. Great read! I’ve saved your site and I’m adding your RSS feeds to my Google account.

  • In this awesome scheme of things you’ll receive an A just for hard work. Exactly where you lost everybody was in your particulars. As people say, details make or break the argument.. And it couldn’t be much more correct in this article. Having said that, permit me tell you just what exactly did deliver the results. The article (parts of it) is actually incredibly engaging and that is probably why I am making an effort in order to comment. I do not make it a regular habit of doing that. 2nd, despite the fact that I can easily notice the jumps in reasoning you make, I am definitely not convinced of exactly how you seem to connect your ideas that make the actual final result. For the moment I will, no doubt yield to your point but trust in the foreseeable future you link the facts much better.

  • I am not certain where you’re getting your info, but great topic. I must spend some time finding out much more or understanding more. Thank you for wonderful info I used to be on the lookout for this info for my mission.

  • I am glad to be a visitant of this double dyed web blog! , regards for this rare information! .

  • wonderful issues altogether, you just won a emblem new reader. What might you recommend about your put up that you simply made a few days in the past? Any sure?

  • I was studying some of your articles on this internet site and I think this website is rattling informative ! Continue putting up.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *