La mano bionica Nexus sbarca in Italia a Torino

Roma, 17 dicembre 2021 – La prima persona in Italia ad poter utilizzare una mano bionica di nuova generazione, Nexus, la più evoluta al mondo, è Valentina Pitzalis. Nel 2011 il marito, poi morto carbonizzato, le diede fuoco, deturpandole il viso e privandola di una mano e di parte del braccio sinistro. Una violenza atroce, che non le ha mai tolto la voglia di vivere, diventando un simbolo della lotta alla violenza contro le donne. “E’ un sogno che si realizza”, dice. “Sono qui per dire a tutte le donne che con la forza e il coraggio ce la possiamo fare a cambiare il mondo e noi stesse, perché nulla del genere accada più a nessuna”, sottolinea.
“Oggi per me è una giornata fantastica – aggiunge – e se sono arrivata fino a qui è grazie a tutte le persone, e sono tante, che da dieci anni mi aiutano. E’ importate che le donne non siano mai lasciate sole. Se qualcuno mi avesse spiegato certe cose prima, forse non sarei mai arrivata a patire tutto questo”.
Realizzata su progetto inglese, la speciale mano bionica le è stata applicata presso l’officina ortopedica Maria Adelaide di Torino, azienda di punta nel settore protesi. “La tecnologia di Nexus segna un passaggio epocale rispetto alle protesi precedenti – spiega il direttore dell’Officina, Roberto Ariagno – si applica facilmente, è personalizzata e si articola leggendo, tramite sensori, i movimenti muscolari dell’avambraccio”. Si infila come un guanto, senza necessità di alcun intervento chirurgico, e ha 14 posizioni rese possibili da un micropulsante azionato dal paziente.
“È una protesi sofisticata che può cambiare la vita delle persone – aggiunge Elisa Mighetti , ingegnere biomedico – che però costa 40 mila euro a fronte dei 15 mila coperti dal servizio sanitario nazionale che speriamo presto cambi il tariffario per poter aiutare le persone che si trovano in queste situazioni di grande difficoltà”.
A presentare la nuova applicazione a Torino, accanto a Valentina Pitzalis, c’era anche Riccardo Perdomi, presidente dell’associazione Fare X Bene, che ha accompagnato Valentina in questi dieci anni di calvario, nei quali è stata sottoposta a 32 interventi. L’acquisto della protesi per la giovane donna è stato reso possibile anche dal sostegno economico offerto proprio da Fare X bene e dall’associazione Doppia Difesa. “Ma non tutte le persone che hanno bisogno di apparecchiature di questo tipo possono fare conto su sostegni come questi”, conclude Alessio Ariagno, amministratore unico di Officina Ortopedica Maria Adelaide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.