L’Italia ratifica la Convenzione sulla violenza e sulle molestie

Roma, 28 gennaio 2021 – L’Italia ha ratificato la Convenzione dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro sull’eliminazione della violenza e delle molestie nel mondo del lavoro. La legge n. 4/2021 pone questa tematica al centro delle riflessioni sul miglioramento della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, poiché prevede che il nostro Paese dovrà adattare le norme esistenti in materia di salute affinché prevedano anche il contrasto alla violenza e alle molestie. Questi i contenuti della convenzione:
«violenza e molestie» nel mondo del lavoro: insieme di pratiche e di comportamenti inaccettabili, o la minaccia di porli in essere, sia in un’unica occasione, sia ripetutamente, che si prefiggano, causino o possano comportare un danno fisico, psicologico, sessuale o economico; l’espressione include la violenza e le molestie di genere;
«violenza e molestie di genere»: la violenza e le molestie nei confronti di persone in ragione del loro sesso o genere, o che colpiscano in modo sproporzionato persone di un sesso o genere specifico, ivi comprese le molestie sessuali.
La Convenzione si applica a tutti i settori, sia privati sia pubblici, e prevede che l’Italia adotti norme specifiche su:
– consultazione con i lavoratori e i loro rappresentanti, per una politica aziendale in materia di violenza e di molestie nei luoghi di lavoro;
– inclusione della violenza e delle molestie, come pure dei rischi psicosociali correlati, nella gestione della salute e della sicurezza sul lavoro;
– identificazione dei pericoli e valutazione dei rischi relativi alla violenza e alle molestie, con la partecipazione dei lavoratori e dei rispettivi rappresentanti e adozione di misure per prevenirli e tenerli sotto controllo;
– erogazione di informazioni e formazione ai lavoratori e ad altri soggetti interessati in merito ai pericoli e ai rischi identificati di violenza e di molestie e alle relative misure di prevenzione e di protezione, ivi compresi i diritti e le responsabilità dei lavoratori e di altri soggetti interessati.