PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E INPS, +268.969 posti lavoro nei primi due mesi 2024

INPS, +268.969 posti lavoro nei primi due mesi 2024

INPS, +268.969 posti lavoro nei primi due mesi 2024

Roma 24 maggio 2024 – Nei primi due mesi del 2024 sono stati attivati 1.243.368 contratti di lavoro a fronte di 974.399 cessazioni, con un saldo positivo di 268.969 posti. Secondo l’Osservatorio Inps sul precariato, nei primi due mesi si registra una variazione netta positiva di 139.967 contratti a tempo indeterminato tra attivazioni, trasformazioni e cessazioni di rapporti di lavoro stabili. Nei primi due mesi del 2023, il saldo tra attivazioni e cessazioni era stato positivo per 299.932 contratti totali e 173.871 unità per quelli stabili.
Il saldo annualizzato, ovvero la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi, è pari a 488.000 posizioni di lavoro, leggermente inferiore rispetto ai mesi precedenti (sempre superiore a 500.000 negli ultimi cinque mesi). Per il tempo indeterminato, la variazione annua è di +362.000 unità, rappresentando oltre due terzi dell’incremento complessivo.
Nel complesso, le assunzioni dei datori di lavoro privati nei primi due mesi del 2024 (esclusi domestici e operai agricoli) sono state 1.243.000, con una modesta flessione rispetto allo stesso periodo del 2023 (-1%). Le assunzioni in apprendistato sono diminuite del 10%, quelle in somministrazione del 6%, mentre quelle a tempo indeterminato hanno segnato un -4%. Tuttavia, c’è stato un aumento nelle assunzioni con contratti di lavoro stagionale e intermittente (+4%) e a tempo determinato (+1%).
Le trasformazioni da tempo determinato nel primo bimestre 2024 sono state 141.000, in calo rispetto allo stesso periodo del 2023 (-10%). Le conferme di rapporti di apprendistato conclusi sono state 18.000 (-5%). Le cessazioni nei primi due mesi del 2024 sono state 974.000, in aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+1%). Si sono registrate variazioni negative per i contratti in apprendistato (-5%) e in somministrazione (-3%), mentre le variazioni positive sono state per i contratti a tempo determinato (+2%), indeterminato (+3%), stagionali (+4%) e intermittenti (+5%).
I contratti stabili cessati sono stati 285.962, inferiori alla somma tra le assunzioni a tempo indeterminato attivate nel periodo (273.500) e le trasformazioni da tempo determinato a indeterminato (140.970).
Le attivazioni di rapporti di lavoro incentivati nei primi due mesi del 2024, considerando sia le assunzioni che le variazioni contrattuali, hanno registrato una flessione annuale del 7%. Si sono registrate diminuzioni per l’esonero contributivo totale giovani (-64%) con appena 12.262 rapporti incentivati, e per l’esonero donne (-22%) a causa della mancata proroga degli esoneri totali previsti dalla Legge 197/2022. Anche le “altre misure” hanno subito una diminuzione (-13%), mentre si è registrata una lieve crescita per l’agevolazione “Decontribuzione Sud” (+3%) con 223.913 rapporti incentivati nel bimestre.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO