Infortuni sul lavoro: diversi gli incidenti in tutta Italia

Roma, 15 giugno – Non si arrestano i casi di incidenti sul lavoro. Nel corso della giornata di ieri, diversi sono stati gli infortuni che hanno coinvolto addetti ai lavori nel corso della loro attività: ad Arezzo, in piazza del Popolo, un uomo di 55 anni, residente a Cortona (AR), è caduto da impalcatura da un’altezza superiore a 4 metri. Sul posto sono arrivati l’automedica e l’ambulanza della Croce Bianca di Arezzo, i vigili del fuoco e la polizia municipale. Stando ad una primissima ricostruzione, che dovrà essere confermata dai rilievi dei Vigili del Fuoco e del personale del Pisll dell’Azienda sanitaria locale, pare che l’operaio sia salito sul ponteggio con un carrello, ma una ruota sarebbe uscita facendogli perdere l’equilibrio. L’uomo  è stato trasferito in codice rosso con l’eliambulanza Pegaso 1 al policlinico delle Scotte a Siena.
Un secondo caso è avvenuto a San Giorgio su Legnano (MI) e ha riguardato un uomo di 44 anni che è rimasto infortunato ad un occhio. L’uomo, che stava lavorando in fonderia, è stato soccorso dalla Croce Rossa di Legnano intervenuta sul posto con un’ambulanza. Le condizioni del lavoratore non sono apparse gravi. Il 44enne è stato condotto in codice verde al pronto soccorso di Legnano.
In provincia di Biella, alla Cascina Monforno di Cavaglià (BI), un uomo è stato ferito a una gamba da un vitello che stava accudendo. Si tratta di un cittadino indiano di 46 anni, dipendente dell’azienda vercellese Alpi, che ha riportato la frattura del femore. Sull’episodio indaga lo Spresal.
In località Boscone Cusani di Calendasco, nel Piacentino, una 25enne straniera, bracciante in un’azienda agricola, è rimasta incastrata in un cardano per l’azionamento di mezzi agricoli, in questo caso una macchina per attingere l’acqua da un pozzo. Lo strumento per la trasmissione meccanica le ha risucchiato i capelli e la giovane è stata scaraventata violentemente a terra dalla forza di movimento del mezzo. Ha riportato gravissimi traumi e i sanitari del 118 l’hanno trasportata d’urgenza in elicottero all’ospedale Maggiore di Parma: le sue condizioni sono critiche e la prognosi è riservata. Sul posto i vigili del fuoco per la messa in sicurezza del mezzo mentre carabinieri e tecnici della Medicina del lavoro di Ausl si stanno occupando di accertare la dinamica.
L’ultimo, a Palermo, riguarda un architetto della sovrintendenza che, durante un sopralluogo in un cantiere, è caduta dentro una voragine di 10 metri presente nell’area dello Iacp dove si stanno realizzando 15 case popolari. La donna è stata soccorsa e recuperata dai vigili del fuoco e affidata alle cure dei sanitari del 118 che l’hanno trasportata in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale Civico. Nella caduta si sarebbe provocata alcune fratture ed escoriazioni.