PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E In evidenza E Incidenti sul lavoro: muore schiacciato a 18 anni da mezzo agricolo

Incidenti sul lavoro: muore schiacciato a 18 anni da mezzo agricolo

Incidenti sul lavoro: muore schiacciato a 18 anni da mezzo agricolo

Roma, 20 giugno  2024 – Aveva solamente 18 anni l’ennesima vittima del lavoro. Si chiamava Pierpaolo Bodini ed è rimasto vittima di un incidente sul lavoro stamani nell’azienda agricola Bassanetti di Brembio (Lodi) dove lavorava da circa un anno.
Viveva a Brembio insieme alla mamma, al papà e alla sorella. La passione di Pierpaolo era l’agricoltura e i mezzi agricoli. Un amore dichiarato e mostrato a tutti sui suoi account social, dove trattori e macchinari agricoli fanno da padroni.
Il ragazzo frequentava il liceo Tosi di Brembio ma già da circa un anno lavorava nei campi, come testimoniano i video postati su Instagram.
Mentre era al lavoro nell’azienda agricola sarebbe rimasto schiacciato sotto una seminatrice durante un lavoro di manutenzione. Una circostanza al vaglio dei carabinieri che si sono recati alla Bassanetti sia per ricostruire la dinamica dell’accaduto sia per accertare eventuali responsabilità o mancanze nelle misure di sicurezza.
Sempre oggi una donna è stata investita da una betoniera in viale Somalia, nel quartiere Trieste a Roma. La donna è stata trasportata in ospedale in codice rosso. Sul posto per i rilievi la polizia locale del Gruppo Parioli. Da accertare la dinamica.
Ieri due dipendenti di una ditta di cartellonistica di Perugia sono stati colpiti da una scarica elettrica mentre erano impegnati in lavori di manutenzione di un pannello pubblicitario a Pantalla, una frazione di Todi. Uno, moldavo, è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Perugia mentre l’altro, originario dell’Albania è stato trasportato nella stessa struttura in codice giallo. In base agli accertamenti condotti dai carabinieri non si esclude che si possa essere verificato un contatto accidentale tra il braccio meccanico elevatore di una gru e i cavi dell’alta tensione presenti sul posto. Questo potrebbe avere provocato un corto circuito che ha interessato l’operaio che si trovava all’interno di un cestello elevatore e il collega di nazionalità moldava su una scala metallica. Sono in corso verifiche per definire l’esatta dinamica dei fatti.

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO