PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

PER AGGIORNAMENTI, CONDIVISIONE E COMMENTI CI TROVI ANCHE SUI SEGUENTI SOCIAL

Home E News E Inchiesta di TV7 sulle ragioni degli incidenti sul lavoro

Inchiesta di TV7 sulle ragioni degli incidenti sul lavoro

Inchiesta di TV7 sulle ragioni degli incidenti sul lavoro

Roma, 26 maggio 2021 – Spiegare le ragioni dietro l’elevato numero degli incidenti mortali sul lavoro e raccontare la storia delle famiglie che hanno subìto queste tragiche vicende. È questo l’intento del servizio di Enzo Miglino, intitolato “Due al giorno” e andato in onda su Tvsette, la trasmissione settimanale di approfondimento del Tg1. Gabriele Di Guida, è morto due anni fa all’età di 25 anni, stritolato dal rullo di una macchina per la verniciatura delle lamiere. “Era stato assunto da due mesi e mezzo– dichiara la madre del ragazzo, Ester Intini -. Si trovava da solo a gestire questa macchina che già nei giorni precedenti aveva dato dei problemi”. Ad oggi il titolare dell’azienda e il responsabile della sicurezza sono indagati per omicidio colposo e nella perizia consegnata alla procura, i tecnici dell’Ats di Monza parlano di “assenza di valutazione dei rischi” da attribuire all’impresa.
Flamur, 50 anni, è rimasto ucciso dal crollo di una trave ad Alessandria, nel cantiere di Amazon, lasciando la moglie e un figlio. Insieme a lui, altri 5 operai sono rimasti feriti e un collega confessa commosso che non sa se riuscirà a fare ancora il muratore.
Nei primi tre mesi dell’anno le morti sul lavoro registrate dall’Inail ammontano a 185: un incremento dell’11% rispetto all’anno scorso. “Complessivamente siamo nell’ordine di una irregolarità media del 60% delle aziende oggetto della nostra selezione di controlli – dichiara Il direttore dell’Ispettorato del Lavoro di Asti e Alessandria, e continua –. Abbiamo 30 ispettori, di cui solo 3 impegnati nel controllo della sicurezza sul lavoro”. La mancanza di ispettori del lavoro si riscontra anche nella provincia di Milano, dove su 250.000 imprese, ogni anno, solo il 6% di esse viene controllato. Lo sconcerto è anche quello dei soccorritori: “Si tratta di persone di solito giovani “, sostiene Ester Rognone, Infermiera Croce Verde di Torino, che devono essere soccorse in un posto in cui “bisognerebbe essere protetti” e invece può diventare una fonte di invalidità e di morte.

Per guardare il servizio è possibile cliccare qui. 

La Rete ANMIL

SCOPRI IL NOSTRO 5 X 1000

COME UTILIZZIAMO IL VOSTRO SOSTEGNO