INAIL, insediato il nuovo Consiglio di amministrazione

Roma, 24 aprile 2024 – Oggi pomeriggio la prima riunione alla presenza del ministro Calderone. Oltre al commissario straordinario Fabrizio D’Ascenzo, che assume l’incarico di presidente dell’Istituto, ne fanno parte i consiglieri Danilo Battista, Nunzia Catalfo, Caterina Grillone e Maurizio Giuseppe Millico. In attesa della nomina del direttore generale, la guida della tecnostruttura affidata a Giuseppe Mazzetti.
La sede dell’Inail di via Quattro Novembre oggi pomeriggio ha ospitato a Roma, alla presenza del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, la riunione di insediamento del nuovo Consiglio di amministrazione dell’Istituto, nominato con decreto del presidente del Consiglio dei ministri dello scorso 13 marzo. Oltre a Fabrizio D’Ascenzo, che dopo aver ricoperto negli ultimi 10 mesi il ruolo di commissario straordinario assume l’incarico di presidente, ne fanno parte i consiglieri: Danilo Battista, Direttore Funzioni Amministrative e Fiscali Caf Cisl; Nunzia Catalfo, ex Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; Caterina Grillone, avvocato criminologa e scrittrice; e Maurizio Giuseppe Millico, Strategy & Business Development Italia per il settore pubblico di Indeed.
Come previsto dal decreto legge n. 51 del 10 maggio 2023, che ha riformato l’ordinamento degli enti previdenziali pubblici, con l’insediamento del nuovo Cda, che resterà in carica per il prossimo quadriennio, si conclude il mandato del direttore generale Andrea Tardiola. In attesa della designazione del nuovo dg, che sarà nominato dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali su proposta del Consiglio di amministrazione, la tecnostruttura sarà guidata dal direttore generale vicario Giuseppe Mazzetti, Direzione centrale prestazioni sociosanitarie INAIL.
Le parole del Presidente D’Ascenzo: “Sarà nostro dovere, insieme al personale Inail che con impegno e dedizione onora ogni giorno l’innegabile vocazione sociale dell’ente, mettere in campo tutte le azioni necessarie a contrastare il drammatico fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. Ringrazio, infine, il direttore generale uscente per il lavoro svolto in questi anni”.
“Con i nostri migliori auguri di buon lavoro al CdA composto da persone che conoscono molto bene le tematiche, il nostro auspicio è che oltre all’importante tema della prevenzione, l’INAIL valuti approfonditamente l’impegno sulla tutela delle vittime e sulla loro maggiore presa in carico alla luce di un Testo Unico che risale 1965 e lascia tristemente fuori tante vittime lavoro”, ha dichiarato il Presidente nazionale ANMIL Zoello Forni.