INAIL: dati infortunistici dei primi 7 mesi del 2020

Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Istituto tra gennaio e luglio sono state 288.873 (-23,7% rispetto allo stesso periodo del 2019), 716 delle quali con esito mortale (+19,5%). In diminuzione le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 25.205 (-34,5%). I dati di quest’anno sono fortemente influenzati dall’emergenza Coronavirus

ROMA – Nella sezione “Open data” del sito Inail sono disponibili i dati analitici delle denunce di infortunio – nel complesso e con esito mortale – e di malattia professionale presentate all’Istituto entro il mese di luglio. Nella stessa sezione sono pubblicate anche le tabelle del “modello di lettura” con i confronti “di mese” (luglio 2019 vs luglio 2020) e “di periodo” (gennaio-luglio 2019 vs gennaio-luglio 2020).

Gli open data pubblicati sono provvisori e il loro confronto richiede cautele, in particolare rispetto all’andamento degli infortuni con esito mortale, soggetti all’effetto distorsivo di “punte occasionali” e dei tempi di trattazione delle pratiche. Per quantificare il fenomeno, comprensivo anche dei casi accertati positivamente dall’Istituto, sarà quindi necessario attendere il consolidamento dei dati dell’intero 2020, con la conclusione dell’iter amministrativo e sanitario relativo a ogni denuncia.

Nel numero complessivo degli infortuni sono comprese anche le comunicazioni obbligatorie effettuate ai soli fini statistici e informativi da tutti i datori di lavoro e i loro intermediari, compresi i datori di lavoro privati di lavoratori assicurati presso altri enti o con polizze private, degli infortuni che comportano un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento.

Il confronto tra i primi sette mesi del 2020 e del 2019 è da ritenersi poco significativo, essenzialmente per due motivi: la sospensione su tutto il territorio nazionale, tra il 9 marzo e parte del mese di maggio di quest’anno, di ogni attività produttiva considerata non necessaria, che si sta rivelando determinante per il calo delle denunce d’infortunio in complesso, e l’inclusione, a partire dalla rilevazione dello scorso marzo, delle denunce di infortunio relative alle infezioni da Covid-19 avvenute nell’ambiente di lavoro o a causa dello svolgimento dell’attività lavorativa e in itinere, alle quali sono dedicati specifici comunicati, che sta avendo un impatto significativo nell’aumento dei decessi registrati in questa prima parte dell’anno, i cui effetti si potranno però valutare solo a consolidamento nei prossimi mesi.
 

DENUNCE DI INFORTUNIO

Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail entro lo scorso mese di luglio sono state 288.873, in diminuzione di circa 90mila casi rispetto alle 378.671 dei primi sette mesi del 2019 (-23,7%).

Questa diminuzione è influenzata dal sostenuto calo delle denunce registrate tra marzo e luglio, con 86mila casi in meno rispetto al periodo marzo-luglio 2019 (-31,6%), a causa soprattutto dello stop forzato tra marzo e maggio di ogni attività produttiva considerata non essenziale per il contenimento dell’epidemia da nuovo Coronavirus e delle difficoltà incontrate dalle imprese nel riprendere la produzione a pieno regime nel periodo post-lockdown.

Il calo maggiore si è registrato nel mese di maggio, con denunce praticamente dimezzate rispetto allo stesso mese del 2019. Seguono aprile e giugno con una riduzione di oltre un terzo nel confronto con l’anno precedente e, infine, marzo e luglio, con cali al di sotto del 20%. I mesi di gennaio e febbraio di quest’anno, non coinvolti pienamente dalla pandemia, hanno registrato decrementi inferiori al 4%.

I dati rilevati al 31 luglio di ciascun anno evidenziano a livello nazionale un decremento sia dei casi avvenuti in occasione di lavoro, passati da 321.675 a 255.669 (-20,5%), sia di quelli in itinere, occorsi cioè nel tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione e il luogo di lavoro, che hanno fatto registrare un calo del 41,7%, da 56.996 a 33.204. Escludendo, nel confronto tra i due anni, i mesi di gennaio e febbraio le diminuzioni sono molto più marcate, pari rispettivamente al -27,4% e al – 56,1%.

Il numero degli infortuni sul lavoro denunciati nei primi sette mesi del 2020 è diminuito del 15,1% nella gestione Industria e servizi (dai 293.709 casi del 2019 ai 249.499 del 2020), del 21,9% in Agricoltura (da 18.946 a 14.797) e del 62,8% nel conto Stato (da 66.016 a 24.577). Per quest’ultima gestione, in particolare, si è registrato tra marzo e luglio un crollo delle denunce, dalle circa 43mila del 2019 alle 3.500 del 2020 (-91,8%), per effetto dell’utilizzo della prestazione lavorativa in modalità agile da parte della quasi totalità dei dipendenti statali e dell’assenza degli studenti nelle scuole/università statali, che sono state chiuse per evitare il propagarsi del contagio. Anche le gestioni Industria e servizi e Agricoltura hanno registrato diminuzioni più sostenute se riferite al periodo marzo-luglio (-19,8% e -29,6% rispettivamente).

Tra i settori economici della gestione Industria e servizi, il settore Ateco “Sanità e assistenza sociale” si distingue per il forte incremento delle denunce di infortunio in occasione di lavoro: +143% nei primi sette mesi (da 16mila a 38mila casi), con punte di quasi il +500% nel bimestre marzo-aprile 2020/2019. Nei mesi di giugno e luglio si è assistito, invece, a un’inversione di tendenza con decrementi pari rispettivamente al -8% e al -16%. Nel 2020, inoltre, tre denunce su quattro del settore hanno riguardato il contagio da Covid-19.

Tra gennaio e luglio di quest’anno l’analisi territoriale evidenzia un calo delle denunce di infortunio in tutte le aree del Paese. Questa flessione risulta essere decisamente più contenuta nel Nord-Ovest (-14,3%) e più accentuata nel Nord-Est (-25,4%), al Centro (-28,8%), al Sud (-31,3%) e nelle Isole (-29,0%). Se si limita il confronto al periodo marzo-luglio, i cali registrati nelle singole ripartizioni geografiche sono più evidenti: -19% per il Nord-Ovest, -33% per il Nord-Est e circa il -40% per Centro, Sud e Isole.

La flessione che emerge dal confronto dei primi sette mesi del 2019 e del 2020 è legata soprattutto alla componente maschile, che registra un calo del 28,8% (da 243.512 a 173.283 denunce), mentre per quella femminile si attesta al -14,5% (da 135.159 a 115.590). Nei mesi di marzo-luglio, in particolare, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente le denunce si sono ridotte del 39% per i lavoratori e del 18% per le lavoratrici.

Tra gennaio e luglio la diminuzione ha interessato sia i lavoratori italiani (-24,6%), sia quelli comunitari (-15,8%) ed extracomunitari (-20,0%), con cali percentuali più sostenuti se limitati al confronto del periodo marzo-luglio. Dall’analisi per classi di età emergono decrementi generalizzati in tutte le fasce, ma più contenute per i lavoratori tra i 45-64 anni.
 

CASI MORTALI

Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Istituto nei primi sette mesi di quest’anno sono state 716. Pur nella provvisorietà dei numeri, questo dato evidenzia un aumento di 117 casi rispetto ai 599 registrati nello stesso periodo del 2019 (+19,5%). L’incremento è influenzato dal numero dei decessi avvenuti e protocollati al 31 luglio 2020 a causa dell’infezione da Covid-19 in ambito lavorativo.

A livello nazionale rispetto ai primi sette mesi dell’anno scorso si registra una riduzione solo degli infortuni mortali in itinere, che sono passati da 167 a 113 (-32,3%), mentre quelli avvenuti in occasione di lavoro sono aumentati da 432 a 603 (+39,6%). L’incremento ha riguardato la gestione Industria e servizi (da 512 a 630 denunce) e il conto Stato (da 9 a 31), mentre l’Agricoltura ha registrato 23 casi in meno (da 78 a 55).

Al 31 luglio risultano sei incidenti plurimi avvenuti nei primi sette mesi del 2020, per un totale di 12 decessi: il primo in gennaio, costato la vita a due lavoratori vittime di un incidente stradale a Grosseto, il secondo in febbraio, con due macchinisti morti nel deragliamento ferroviario avvenuto in provincia di Lodi, il terzo e il quarto in marzo, con due vittime per incidenti stradali in provincia di Torino e altre due in provincia di Bologna, il quinto in giugno, con due operai travolti dal crollo di un muro a Napoli, e l’ultimo in luglio in un cantiere edile di Roma, in cui sono deceduti due operai caduti da un ponteggio. Lo scorso anno, invece, gli incidenti plurimi avvenuti tra gennaio e luglio erano stati 12, con 24 casi mortali denunciati (20 dei quali stradali).

Dall’analisi territoriale emerge una diminuzione di 12 casi mortali nelle Isole (da 58 a 46). Il Nord-Ovest si contraddistingue, invece, per un incremento di 112 casi mortali (da 153 a 265), complice soprattutto l’aumento di 89 casi della Lombardia. Il Centro registra un aumento di otto decessi ( da 120 a 128), il Sud sette casi mortali in più (da 134 a 141) e il Nord-Est due in più (da 134 a 136).

L’incremento rilevato nel confronto tra i primi sette mesi del 2020 e del 2019 è legato soprattutto alla componente maschile, i cui casi mortali denunciati sono passati da 548 a 644 (+96 decessi), mentre quella femminile ha fatto registrare 21 casi in più, da 51 a 72.

In aumento le denunce di infortunio mortale dei lavoratori italiani (da 488 a 609), mentre calano quelle dei lavoratori extracomunitari (da 71 a 69) e comunitari (da 40 a 38). Dall’analisi per fasce d’età si contraddistingue per l’aumento dei decessi quella degli over 55, rispetto alla diminuzione registrata nelle altre.
 

DENUNCE DI MALATTIA PROFESSIONALE

Le denunce di malattia professionale protocollate dall’Inail nei primi sette mesi del 2020 sono state 25.205, 13.296 in meno rispetto allo stesso periodo del 2019 (-34,5%). Anche in questo caso a influenzare la flessione è il numero delle denunce presentate tra marzo e luglio 2020, in riduzione del 49% rispetto allo stesso periodo del 2019, con un picco del -87% registrato nel mese di aprile.

Nei primi sette mesi del 2020 si sono rilevate diminuzioni delle denunce nell’Industria e servizi (-32,6%, da 30.648 a 20.643 casi), in Agricoltura (-42,4%, da 7.453 a 4.291) e nel conto Stato (-32,3%, da 400 a 271). Dall’analisi territoriale dei dati emergono cali delle patologie denunciate in tutte le aree del Paese: -45,4% nel Nord-Ovest, -37,0% nel Nord-Est, -29,7% al Centro, -37,5% al Sud e -26,2% nelle Isole.

In ottica di genere emerge un calo di 9.474 denunce di malattia professionale per i lavoratori, da 28.020 a 18.546 (-33,8%), e di 3.822 per le lavoratrici, da 10.481 a 6.659 (-36,5%). Il decremento ha interessato sia le denunce dei lavoratori italiani (passate da 35.860 a 23.459, pari a un calo del 34,6%), sia quelle di comunitari (da 885 a 595, -32,8%) ed extracomunitari (da 1.756 a 1.151, -34,5%).

Le prime tre malattie professionali denunciate tra gennaio e luglio di quest’anno continuano a essere, nell’ordine, le patologie del sistema osteo-muscolare e del tessuto connettivo, del sistema nervoso e quelle dell’orecchio, seguite dalle malattie del sistema respiratorio e dai tumori. Tutte registrano diminuzioni nei periodi in esame.

39 thoughts on “INAIL: dati infortunistici dei primi 7 mesi del 2020

  • I will right away grasp your rss feed as I can not in finding your e-mail subscription hyperlink or newsletter service. Do you have any? Kindly permit me understand in order that I may subscribe. Thanks.

  • Arkadaşının Öz Annesine Şantaj Yapıp Sikiyor. Çok
    yaramaz bir ergen olan Miguel, en yakın arkadaşının evine girerek gardolabın içine saklanır.
    Arkadaşının annesinin başkasyıla yatakta sikişirken gören eleman bu duruma çok
    şaşırır. Adamla kadının sikişmesini izleyen adam bu
    durumu lehine çevirmek için.

  • There are definitely a lot of particulars like that to take into consideration. That is a great level to bring up. I provide the thoughts above as general inspiration but clearly there are questions just like the one you carry up the place an important factor will likely be working in sincere good faith. I don?t know if best practices have emerged around issues like that, however I am sure that your job is clearly identified as a good game. Each boys and girls really feel the impression of only a second’s pleasure, for the rest of their lives.

  • he blog was how do i say it… relevant, finally something that helped me. Thanks

  • I have been examinating out many of your stories and i must say pretty nice stuff. I will surely bookmark your website.

  • It’s truly a great and helpful piece of information. I am satisfied that you shared this useful info with us. Please keep us informed like this. Thank you for sharing.

  • I do not even know the way I ended up right here, but I believed this put up used to be great. I don’t understand who you’re but certainly you’re going to a well-known blogger in case you are not already 😉 Cheers!

  • An attention-grabbing dialogue is worth comment. I think that it is best to write more on this subject, it won’t be a taboo topic but typically persons are not enough to talk on such topics. To the next. Cheers

  • Wow! Thank you! I permanently wanted to write on my blog something like that. Can I implement a part of your post to my blog?

  • The root of your writing while appearing agreeable at first, did not work properly with me personally after some time. Somewhere within the paragraphs you managed to make me a believer unfortunately only for a short while. I however have a problem with your jumps in logic and you would do well to help fill in all those gaps. In the event that you can accomplish that, I would definitely end up being fascinated.

  • Only a smiling visitor here to share the love (:, btw great pattern.

  • F*ckin¦ amazing issues here. I¦m very happy to peer your article. Thank you a lot and i am taking a look ahead to contact you. Will you kindly drop me a e-mail?

  • Thanks for every other informative web site. Where else may just I get that kind of info written in such an ideal means? I have a undertaking that I’m simply now running on, and I have been on the look out for such information.

  • Thanks a lot for sharing this with all folks you really recognise what you’re speaking approximately! Bookmarked. Kindly additionally consult with my site =). We will have a link trade arrangement among us!

  • 917917 783273Really nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that Ive truly enjoyed surfing about your weblog posts. Following all I is going to be subscribing to your feed and I hope you write once again extremely soon! 792960

  • When I originally commented I clicked the “Notify me when new comments are added” checkbox and now each time a comment is added I get several e-mails with the same comment. Is there any way you can remove people from that service? Thanks!

  • Hey! Would you mind if I share your blog with my facebook group? There’s a lot of people that I think would really appreciate your content. Please let me know. Thanks

  • An fascinating dialogue is value comment. I think that you must write extra on this subject, it might not be a taboo topic but usually individuals are not sufficient to talk on such topics. To the next. Cheers

  • Hello! I just would like to give a huge thumbs up for the great info you have here on this post. I will be coming back to your blog for more soon.

  • Hey there, I think your blog might be having browser compatibility issues. When I look at your blog site in Ie, it looks fine but when opening in Internet Explorer, it has some overlapping. I just wanted to give you a quick heads up! Other then that, awesome blog!

  • Hi, Neat post. There’s an issue together with your site in internet explorer, could test this… IE nonetheless is the market leader and a large element of folks will leave out your fantastic writing because of this problem.

  • You should take part in a contest for one of the best blogs on the web. I will recommend this site!

  • Dead indited written content, regards for selective information.

  • I rattling glad to find this website on bing, just what I was looking for : D too saved to my bookmarks.

  • I have been browsing online more than 3 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It’s pretty worth enough for me. Personally, if all webmasters and bloggers made good content as you did, the internet will be a lot more useful than ever before.

  • Great write-up, I am regular visitor of one¦s website, maintain up the excellent operate, and It is going to be a regular visitor for a long time.

  • After study a few of the weblog posts in your website now, and I actually like your means of blogging. I bookmarked it to my bookmark website listing and will likely be checking back soon. Pls take a look at my site as well and let me know what you think.

  • I have been exploring for a little bit for any high-quality articles or blog posts in this sort of space . Exploring in Yahoo I ultimately stumbled upon this web site. Studying this info So i am happy to express that I’ve a very just right uncanny feeling I came upon just what I needed. I such a lot unquestionably will make sure to do not forget this website and provides it a look on a constant basis.

  • Greetings! I know this is kinda off topic but I’d figured I’d ask. Would you be interested in trading links or maybe guest authoring a blog article or vice-versa? My site discusses a lot of the same topics as yours and I think we could greatly benefit from each other. If you’re interested feel free to shoot me an e-mail. I look forward to hearing from you! Great blog by the way!

  • Hey there would you mind stating which blog platform you’re using? I’m going to start my own blog soon but I’m having a tough time selecting between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal. The reason I ask is because your design seems different then most blogs and I’m looking for something completely unique. P.S My apologies for getting off-topic but I had to ask!

  • magnificent submit, very informative. I’m wondering why the opposite experts of this sector do not notice this. You must proceed your writing. I’m confident, you have a huge readers’ base already!

  • Appreciate it for helping out, good information. “The laws of probability, so true in general, so fallacious in particular.” by Edward Gibbon.

  • Hey, you used to write fantastic, but the last few posts have been kinda boringK I miss your tremendous writings. Past several posts are just a little bit out of track! come on!

  • I do agree with all of the ideas you’ve presented in your post. They are really convincing and will certainly work. Still, the posts are too short for beginners. Could you please extend them a little from next time? Thanks for the post.

  • Having read this I thought it was very informative. I appreciate you taking the time and effort to put this article together. I once again find myself spending way to much time both reading and commenting. But so what, it was still worth it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *