INAIL: 50mila contagi sul lavoro da Covid

Roma, 20 luglio 2020 – A fare il punto della situazione sui contagi da Covid sul lavoro è il sesto report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’INAIL, pubblicato oggi 20 luglio insieme alla versione aggiornata delle schede di approfondimento sui casi registrati nelle 19 regioni italiane e nelle due province autonome di Trento e Bolzano, diffuse con cadenza mensile.
I contagi sul lavoro da Coronavirus denunciati all’INAIL alla data del 30 giugno sono 49.986, 965 in più rispetto al monitoraggio del 15 giugno. I casi mortali sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nelle fasce 50-64 anni (69,8%) e over 64 anni (19,5%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Prendendo in considerazione il totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’Istituto, il rapporto tra i generi si inverte – il 71,6% dei lavoratori contagiati sono donne – e l’età media scende a 47 anni.    
Dall’analisi territoriale emerge che più di otto denunce su 10 sono concentrate nell’Italia settentrionale: il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Concentrando l’attenzione sui contagi con esito mortale, la percentuale del Nord-Ovest rispetto al totale sale al 58,3%, mentre il Sud, con il 15,1% dei decessi, precede il Nord-Est (13,1%), il Centro (11,9%) e le Isole (1,6%).
La Lombardia è la regione più colpita, con oltre un terzo dei casi denunciati (36,1%) e il 44,8% dei decessi. Nel dettaglio, il 30,2% dei 18.032 contagi sul lavoro denunciati nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma con 32 decessi la provincia di Bergamo conferma il primato negativo per i casi mortali, seguita da Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).
Circa il 99% delle denunce riguarda la gestione assicurativa dell’Industria e servizi, mentre i casi registrati in Agricoltura, nella Navigazione e nella gestione per Conto dello Stato sono circa 600. Rispetto alle attività produttive, il 72,1% del complesso delle infezioni denunciate e il 26,1% dei casi mortali si concentra nel settore della Sanità e assistenza sociale (che comprende ospedali, case di cura e di riposo, istituti, cliniche, policlinici universitari, residenze per anziani e disabili), che insieme al settore degli organismi pubblici preposti alla sanità (Asl) porta all’81,2% la quota dei contagi e al 36,6% quella dei decessi avvenuti in ambito sanitario. Seguono i servizi di vigilanza, pulizia, call center, il settore manifatturiero (addetti alla lavorazione di prodotti chimici, farmaceutici, alimentari), le attività di alloggio e ristorazione, il commercio e il trasporto e magazzinaggio.
Con il 40,6% dei contagi denunciati, oltre l’83% dei quali relativi a infermieri, la categoria professionale dei tecnici della salute si conferma la più colpita dal virus, seguita dagli operatori socio-sanitari (21,3%), dai medici (10,5%), dagli operatori socio-assistenziali (8,7%) e dal personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,7%).
L’analisi dei decessi rivela come circa il 40% riguardi personale sanitario e socio-assistenziale. Nel dettaglio, l’11,8% dei casi mortali codificati riguarda i tecnici della salute (il 63% sono infermieri), seguiti dai medici (9,3%), dagli operatori socio-sanitari (8,1%), dagli operatori socio-assistenziali e dal personale non qualificato nei servizi sanitari (4,3% per entrambe le categorie).

Per approfondire:
Scheda nazionale – I dati sulle denunce da Covid-19

Schede regionali

#statistica #datistatistici #covid #contagicovid #denuncemalattie #contagisullavoro #personalesanitario #sicurezzasullavoro #inail #asl

9 thoughts on “INAIL: 50mila contagi sul lavoro da Covid

  • Hello, after reading this amazing paragraph i am as well delighted to share my know-how here with colleagues.|

  • This post provides clear idea in support of the new users of blogging, that genuinely how to do running a blog.|

  • I am now not positive the place you are getting your info, but good topic. I needs to spend some time learning much more or working out more. Thanks for great information I used to be looking for this information for my mission.|

  • Hi there! Quick question that’s totally off topic. Do you know how to make your site mobile friendly? My web site looks weird when viewing from my iphone 4. I’m trying to find a template or plugin that might be able to resolve this issue. If you have any recommendations, please share. Thank you!|

  • fantastic publish, very informative. I ponder why the opposite experts of this sector do not understand this. You should proceed your writing. I’m confident, you have a huge readers’ base already!|

  • Asking questions are really good thing if you are not understanding something fully, except this article offers pleasant understanding even.|

  • If some one wants expert view on the topic of blogging afterward i advise him/her to visit this web site, Keep up the pleasant job.|

  • You are so cool! I don’t suppose I’ve truly read a single thing like this before. So nice to find somebody with some original thoughts on this topic. Seriously.. many thanks for starting this up. This site is one thing that’s needed on the web, someone with a bit of originality!|

  • Thank you for the auspicious writeup. It if truth be told used to be a entertainment account it. Glance advanced to far brought agreeable from you! However, how can we communicate?|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.