Imbianchino morto a Brescia, l’uomo era senza contratto

Roma, 9 luglio 2021 – Un imbianchino di 60 anni, Roberto Bigini, è morto un giorno dopo essere caduto da una scala. Il 6 luglio stava lavorando in un cantiere a Sarezzo, in provincia di Brescia. Secondo le forze dell’ordine l’uomo era senza contratto e lavorava in nero. Le sue condizioni erano apparse immediatamente disperate. La famiglia ha autorizzato il prelievo degli organi. La Procura di Brescia sta indagando per fare piena luce sull’attività della vittima, che lavorava per conto di un’azienda esterna al committente dei lavori di ristrutturazione del capannone dove è avvenuto l’incidente. L’uomo era originario della Toscana ma da ormai decenni viveva a Brescia: era un imbianchino specializzato.