Napoli, 29 ottobre 2021 – Si svolge oggi e domani, nell’Aula Magna di Biotecnologie dell’Università Federico II, la terza edizione dell’HSE Symposium. 
L’evento, organizzato dal Dipartimento di Sanità Pubblica della “Federico II”, dall’Associazione Europea per la Prevenzione, con il supporto di Inail Campania e di Ebilav – Ente Bilaterale Nazionale e di Fondolavoro, è incentrato sui temi della salute e della sicurezza sul lavoro e dell’ambiente.
Nel corso della prima tavola rotonda svoltasi oggi alle ore 10.00 dal titolo Il punto di vista della società civile sulla situazione italiana, tra “morti sul lavoro” e disastri ambientali: dai dati Inail alle nuove iniziative di contrastoil Sottosegretario di Stato alla Salute Andrea Costa ha così commentato le recenti nuove disposizioni governative per arginare la recrudescenza degli infortuni sul lavoro: “I primi interventi sono stati previsti come l’incremento dei soggetti che devono controllare sul territorio, incrementi di investimenti per quanto riguarda la formazione, ma c’è bisogno anche di un approccio culturale diverso, che tutti prendano consapevolezza non solo i datori di lavoro, nei confronti dei quali abbiamo irrigidito le sanzioni, ma anche da parte dei lavoratori di quanto la sicurezza sia importante per loro”, continua Andrea Costa, “c’è bisogno che la politica torni ad ascoltare i territori e che torni a condividere il percorso. Occasioni come oggi sono importanti per raccogliere quelle che sono le istanze del territorio da chi quotidianamente tocca con mano quali sono le criticità per condividere insieme soluzioni che possano dare risposte a questo problema della sicurezza sul lavoro su cui c’è bisogno di un grande sforzo da parte di tutti, di un’assunzione di responsabilità da parte della politica”.
Sulla questione legata alla prevenzione del fenomeno infortunistico sul lavoro le parole del Sottosegretario: “Bisogna tornare a un senso civico troppe volte smarrito e far crescere la consapevolezza che investire in sicurezza non è un costo ma significa investire nella crescita del Paese. Oggi non è il tempo delle battaglie ideologiche e delle contrapposizioni”, ha aggiunto, “I cittadini hanno bisogno di unità politica e istituzionale e non possiamo permetterci di creare contrapposizione tra datori e dipendenti: non è questa la soluzione. Con i fondi europei abbiamo una grande opportunità per investire in sicurezza e se riusciremo tutti insieme a condividere un percorso in cui ognuno deve essere protagonista allora riusciremo a mettere quel seme che ci consente di costruire una società migliore perché ritengo che una società sia più giusta ed equa quando un cittadino che la mattina esce per lavorare torna a casa la sera”.

Clicca qui per consultare il programma della terza edizione del HSE Symposium